Martedì 28 Settembre 2021 | 19:34

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
S. Cecilia: Galliano, il mio oratorio un messaggio di speranza

S. Cecilia: Galliano, il mio oratorio un messaggio di speranza

 
ROMA
Bif&st: Carax, piattaforme, come Covid, ci vogliono a casa

Bif&st: Carax, piattaforme, come Covid, ci vogliono a casa

 
ROMA
ReWriters Fest, parole e arte per la rivoluzione dei valori

ReWriters Fest, parole e arte per la rivoluzione dei valori

 
ROMA
Musica: in esclusiva su Itsart Paolo Conte da Reggia Venaria

Musica: in esclusiva su Itsart Paolo Conte da Reggia Venaria

 
PARMA
Daniele Gatti dirige la Messa da Requiem al Festival Verdi

Daniele Gatti dirige la Messa da Requiem al Festival Verdi

 
BOLOGNA
Musica: Bologna Jazz Festival, i concerti nei teatri

Musica: Bologna Jazz Festival, i concerti nei teatri

 
ROMA
S. Cecilia: Galliano e il suo oratorio ''Les chemins noirs''

S. Cecilia: Galliano e il suo oratorio ''Les chemins noirs''

 
ROMA
Centenario Tognazzi nel 2022, si parte con UgoMania

Centenario Tognazzi nel 2022, si parte con UgoMania

 
MILANO
Tony Bennet e Lady Gaga, ancora insieme per Cole Porter

Tony Bennet e Lady Gaga, ancora insieme per Cole Porter

 
ROMA
Musica: Maneskin annunciano tour europeo febbraio-marzo '22

Musica: Maneskin annunciano tour europeo febbraio-marzo '22

 
BOLOGNA
Terra di Tutti Film Festival per dare voce agli 'invisibili'

Terra di Tutti Film Festival per dare voce agli 'invisibili'

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

RAVENNA

Concerto per Dante, Muti e il nume tutelare di Ravenna

Da Mansurian a Liszt, culmine delle celebrazioni 700 anni morte

Concerto per Dante, Muti e il nume tutelare di Ravenna

RAVENNA, 13 SET - La porta della tomba di Dante a Ravenna è sempre aperta, giorno e notte, e lo è stata anche nei giorni più bui della pandemia, quasi che la sua poesia possa essere un rifugio e una protezione per la città. Un legame forte, consolidato da una necessaria ricerca di punti di riferimento artistici e spirituali che la figura di Dante ha accresciuto in questo anno di celebrazioni. Dante insomma inteso come una summa di valori che travalica la parola scritta per diventare essenza dell'espressione umana come quella condensata non a caso nel "Concerto per Dante" diretto da Riccardo Muti a partire da Ravenna, città che gli rende omaggio in ogni angolo, il 12 settembre nei giardini pubblici davanti alla Loggetta Lombardesca, poi a Firenze il 13 settembre al Teatro del Maggio e infine a Verona il 15 settembre al Teatro filarmonico. Un concerto che è un trittico di ispirazioni diverse, un ventaglio di sfumature e per questo imperdibile, mettendo insieme Verdi, Mansurian e Liszt nella loro passione per la Divina Commedia. Riccardo Muti con la sua consueta sensibilità ed energia dirige l'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, con l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e il Coro del Maggio (maestro del coro Lorenzo Fratini). Si parte con l'assoluta levità della preghiera di San Bernardo alla Madonna, in un quasi irriconoscibile Giuseppe Verdi (1813-1901), per passare poi al Purgatorio che il Ravenna Festival ha commissionato a Tigran Mansurian (1939), in prima italiana a Ravenna. Infine Franz Liszt (1811-1886) e la sua meravigliosa Dante-Symphonie, da Dante Alighieri, S 109. (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie