Sabato 27 Febbraio 2021 | 23:35

NEWS DALLA SEZIONE

PERUGIA
I 25 anni di Umbria Film Festival di Gilliam a Montone

I 25 anni di Umbria Film Festival di Gilliam a Montone

 
NEW YORK
Lady Gaga piange di gioia per il ritrovamento dei cani

Lady Gaga piange di gioia per il ritrovamento dei cani

 
ROMA
Madame, a Sanremo con 'Voce' e rap della rockstar Celentano

Madame, a Sanremo con 'Voce' e rap della rockstar Celentano

 
ROMA
Gaudiano, a Sanremo per esorcizzare mio dolore

Gaudiano, a Sanremo per esorcizzare mio dolore

 
BOLOGNA
Pupi Avati presenta Doctor Dixie Jazz Band per Viralissima

Pupi Avati presenta Doctor Dixie Jazz Band per Viralissima

 
PALERMO
Ernani torna al Massimo, successo anche in streaming

Ernani torna al Massimo, successo anche in streaming

 
ROMA
S. Cecilia: Pappano e il Requiem Tedesco di Brahms

S. Cecilia: Pappano e il Requiem Tedesco di Brahms

 
ROMA
Placido, "Il mio Caravaggio in ballo tra Cannes e Venezia"

Placido, "Il mio Caravaggio in ballo tra Cannes e Venezia"

 
ROMA
Michele Placido protagonista di una Domenica Con

Michele Placido protagonista di una Domenica Con

 
WASHINGTON
Ritrovati i cani di Lady Gaga che erano stati rapiti

Ritrovati i cani di Lady Gaga che erano stati rapiti

 
CAGLIARI
Cinema: premio Labor al corto di regista sarda Paola Cireddu

Cinema: premio Labor al corto di regista sarda Paola Cireddu

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Leccel'aggressione
Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

 
PotenzaCoronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 
TarantoIl caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

TRIESTE

Cinema:Trieste Film Festival,da 32 anni crocevia del dialogo

Focus globale sul cinema dell'altra Europa

Cinema:Trieste Film Festival,da 32 anni crocevia del dialogo

TRIESTE, 25 GEN - Un festival cinematografico che permetteva a registi e uomini e donne di cinema di poter dialogare quando nei loro Paesi c'era la guerra. Questo è stato negli anni '90 l'Alpe Adria cinema prima e il Trieste Film Festival dopo. E lo è tuttora. Lo hanno ricordato stamattina, in occasione dell'incontro "TSFF: una storia lunga 32 anni", i direttori artistici del festival Nicoletta Romeo e Fabrizio Grosoli, che hanno raccontato la nascita e l'evoluzione del festival triestino. "Il 28 novembre 1989, con il muro di Berlino che era caduto da meno di venti giorni, a Trieste nasce - ha spiegato Grosoli - l'Alpe Adria Cinema. Nella prima pagina del catalogo c'è una cartina, che mostra i confini di una comunità, con regioni italiane, austriache, tedesche, croate, slovene e ungheresi, per la quale l'allora direttrice e ideatrice, Annamaria Percavassi, auspicava che si trasformasse in una comunità culturale". Negli anni successivi "Annamaria fa esplodere - ha proseguito il direttore - questi confini, trasformando il festival in un focus totale e globale su tutto quello che era il cinema dell'altra Europa. Per colmare un vuoto culturale che aveva caratterizzato il nostro Paese dal 1945 in poi". Anche perché, ha sottolineato Grosoli, "il cinema oltre cortina non lo si conosceva o lo si conosceva male. Chi scriveva di cinema di quei Paesi erano esclusivamente i critici dei giornali comunisti". In un video di repertorio proiettato durante l'incontro, Percavassi, scomparsa nel 2016, descrive quello che ha prodotto il festival negli anni: "il nostro è un pubblico competente, che non inganni e che abbiamo responsabilizzato. Per questo non va deluso". Percavassi ha ricordato anche che era l'unica donna italiana che frequentava i festival cinematografici della ex Jugoslavia per portare in Italia la cinematografia della vicina repubblica socialista. Quella stessa cinematografia che durante gli anni di guerra, "diventata di moda, si contendevano tutti". E che, per Percavassi, "ha trasformato anche il Trieste Film Festival, rendendolo competitivo con i suoi concorsi regolamentari e i premi". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie