Sabato 27 Febbraio 2021 | 22:54

NEWS DALLA SEZIONE

PERUGIA
I 25 anni di Umbria Film Festival di Gilliam a Montone

I 25 anni di Umbria Film Festival di Gilliam a Montone

 
NEW YORK
Lady Gaga piange di gioia per il ritrovamento dei cani

Lady Gaga piange di gioia per il ritrovamento dei cani

 
ROMA
Madame, a Sanremo con 'Voce' e rap della rockstar Celentano

Madame, a Sanremo con 'Voce' e rap della rockstar Celentano

 
ROMA
Gaudiano, a Sanremo per esorcizzare mio dolore

Gaudiano, a Sanremo per esorcizzare mio dolore

 
BOLOGNA
Pupi Avati presenta Doctor Dixie Jazz Band per Viralissima

Pupi Avati presenta Doctor Dixie Jazz Band per Viralissima

 
PALERMO
Ernani torna al Massimo, successo anche in streaming

Ernani torna al Massimo, successo anche in streaming

 
ROMA
S. Cecilia: Pappano e il Requiem Tedesco di Brahms

S. Cecilia: Pappano e il Requiem Tedesco di Brahms

 
ROMA
Placido, "Il mio Caravaggio in ballo tra Cannes e Venezia"

Placido, "Il mio Caravaggio in ballo tra Cannes e Venezia"

 
ROMA
Michele Placido protagonista di una Domenica Con

Michele Placido protagonista di una Domenica Con

 
WASHINGTON
Ritrovati i cani di Lady Gaga che erano stati rapiti

Ritrovati i cani di Lady Gaga che erano stati rapiti

 
CAGLIARI
Cinema: premio Labor al corto di regista sarda Paola Cireddu

Cinema: premio Labor al corto di regista sarda Paola Cireddu

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Leccel'aggressione
Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

 
PotenzaCoronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 
TarantoIl caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

ROMA

Se questo è amore, una storia vera ad Auschwitz

Nel film la love story tra un nazista e una prigioniera

Se questo è amore, una storia vera ad Auschwitz

ROMA, 20 GEN - Bisognerebbe scomodare allo stesso tempo Freud e Jung e anche mettere mano a trattati di sociologia per interpretare questa vicenda raccontata da Maya Sarfaty nel documentario SE QUESTO È AMORE con la tragica storia ad Auschwitz tra una bellissima prigioniera slovacca e il suo carceriere nazista di appena venti anni. Fu amore vero, fu infatuazione, fu solo interesse? Nel documentario che sarà disponibile in Tvod dal 27 gennaio distribuito da Wanted Cinema, resta un'evidente quanto legittima ambiguità confermata dalla stessa regista oggi in conferenza stampa in remoto. Giovanissima e molto bella Helena Citronova viene portata ad Auschwitz, dove trova la protezione di Franz Wunsch, ufficiale delle SS che si innamora subito di lei e della sua bella voce. I due portano avanti questa relazione proibita fino alla fine della guerra. Wunsch, nel frattempo, non solo salva la donna quando scopre che aveva contratto il tifo (la nasconde e la cura), ma protegge anche la sorella di Helena e molte altre donne segnalate dalla sua amata ("Mi amava da impazzire, ho salvato tante vite grazie a lui" dice la stessa Helena nel documentario). Trent'anni dopo, nel 1972, Helena riceve una lettera dalla moglie di Wunsch, che le chiede di aiutare il suo antico protettore, ovvero testimoniare a nome di suo marito imputato a Vienna per crimini compiuti durante l'Olocausto. Helena, ormai sposata, sceglierà con coraggio di esporsi e andare a salvarlo. "Mi ha affascinato questa storia per l'ambivalenza dei due personaggi principali - dice la regista israeliana in collegamento remoto -. Impossibile parlare di Franz solo come un uomo malvagio perché era sicuramente anche capace di dolcezza. C'è insomma una grande zona grigia in questa storia che mi affascinava". Il fatto che in un film israeliano, che parla di un argomento delicato come la Shoah, compaia ineditamente un nazista in odore di bontà, spiega la Sarfaty: "Non ha creato alcun problema con la comunità ebraica, ma piuttosto a risentire della cosa è stato il pubblico austriaco molto sensibile alla storia di quel periodo. In fondo - aggiunge la regista quasi a giustificarsi - io ho solo raccontato degli esseri umani che in quanto tali sono ambivalenti". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie