Sabato 12 Giugno 2021 | 13:29

NEWS DALLA SEZIONE

BARI
Torna il festival dei corti Salento Finibus Terrae

Torna il festival dei corti Salento Finibus Terrae

 
NAPOLI
The boat, un thriller italiano sul mare di Sorrento

The boat, un thriller italiano sul mare di Sorrento

 
PARMA
'La vita è sogno', Lenz Fondazione all'Abbazia di Valserena

'La vita è sogno', Lenz Fondazione all'Abbazia di Valserena

 
JESI
Festival Pergolesi Spontini e Lirica Jesi con dedica a Perucci

Festival Pergolesi Spontini e Lirica Jesi con dedica a Perucci

 
FIRENZE
Maggio; Mehta dirige seconda tappa ciclo Brahms

Maggio; Mehta dirige seconda tappa ciclo Brahms

 
ROMA
La 'Madre' tragica di Bong Joon-ho regista di Parasite

La 'Madre' tragica di Bong Joon-ho regista di Parasite

 
ROMA
Al via Il sesso degli angeli di Pieraccioni con la Ferilli

Al via Il sesso degli angeli di Pieraccioni con la Ferilli

 
SPOLETO (PERUGIA)
Verso il tutto esaurito primo weekend Festival Due Mondi

Verso il tutto esaurito primo weekend Festival Due Mondi

 
FIRENZE
'Popoli Reloaded' porta in sala documentari archivio

'Popoli Reloaded' porta in sala documentari archivio

 
TORINO
Musica: Fiorella Mannoia ' ripartiamo, che gioia'

Musica: Fiorella Mannoia ' ripartiamo, che gioia'

 
ROMA
A Giuliano Sangiorgi il cameo dell'anno ai Nastri d'argento

A Giuliano Sangiorgi il cameo dell'anno ai Nastri d'argento

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barigiustizia svenduta
Bari, «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

Bari, avvocato Chiariello: «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

 
Potenzalavori pubblici
Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

 
MateraVaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
LecceLa novità
Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

 

i più letti

ROMA

La rivoluzione siamo noi e Pino, l'arte al Tff

In due docu l'Italia felice dal minimalismo all'arte povera

La rivoluzione siamo noi e Pino, l'arte al Tff

ROMA, 18 NOV - L'Italia dagli anni Sessanta a metà degli anni Ottanta fu un vero laboratorio artistico a cui guardò tutto il mondo, una storia poco conosciuta e a cui la 38/a edizione del Torino Film Festival che parte il 20 novembre dedica ben due documentari: LA RIVOLUZIONE SIAMO NOI (Arte in Italia 1967/1977) di Ilaria Freccia e PINO (che sta per Pino Pascali) di Walter Fasano. Che accadde in quegli anni? Ce lo racconta appunto LA RIVOLUZIONE SIAMO NOI, documentario che prende il titolo da una foto-manifesto di Beuys con l'artista tedesco che avanza spedito come in un solitario 'Quarto stato'. Una sintesi perfetta per raccontare, attraverso uno sterminato apparato iconografico, materiale di repertorio e interviste, quell'irripetibile momento. Anni unici durante i quali si sono ritrovati a convivere insieme artisti come Marina Abramovic, Michelangelo Pistoletto, Andy Warhol, Luigi Ontani, Pino Pascali, Alighiero Boetti, Jannis Kounellis e Joseph Beuys e galleristi di fama internazionale come Lia Rumma e Fabio Sargentini. PINO di Walter Fasano, con le voci di Suzanne Vega, Alma Jodorowsky, Monica Guerritore e Michele Riondino si dedica invece a tutto tondo a quello straordinario artista che fu Pino Pascali, uno dei più importanti esponenti dell'arte povera, morto giovanissimo nell'estate del 1968 in un incidente in motocicletta. L'occasione nasce dall'acquisto e dalla messa in mostra nel 2018 da parte del Museo Pascali di Polignano a Mare, terra d'origine di Pino, della sua opera: "Cinque Bachi da Setola e un Bozzolo". "Avendo scelto la strada del racconto per immagini fotografiche - dice nelle note il regista -, ho avuto la fortuna di essere affiancato da alcuni eccezionali compagni di viaggio: Pascali innanzitutto, le cui straordinarie (e poco note) fotografie ci hanno permesso di entrare nel suo sguardo. E soprattutto Pino Musi, sempre riconoscibile per stile ed esiti proprio in quanto ricercatore del senso profondo dell'immagine". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie