Mercoledì 30 Settembre 2020 | 23:38

NEWS DALLA SEZIONE

BERLINO
ANSA/ Berlinale conferma, fondatore ebbe ruolo nel nazismo

ANSA/ Berlinale conferma, fondatore ebbe ruolo nel nazismo

 
NEW YORK
Cinema: Torna Borat e cita il vice presidente Usa

Cinema: Torna Borat e cita il vice presidente Usa

 
NEW YORK
Cinema: Jennifer Aniston pensò di lasciare carriera attrice

Cinema: Jennifer Aniston pensò di lasciare carriera attrice

 
ROMA
In sala "Pompei. Eros e mito" di Pappi Corsicato

In sala "Pompei. Eros e mito" di Pappi Corsicato

 
BOLOGNA
Esce 'Caro diario' di Nanni Moretti in versione restaurata

Esce 'Caro diario' di Nanni Moretti in versione restaurata

 
BOLOGNA
Musica: Gergiev torna a Parma dopo 19 anni

Musica: Gergiev torna a Parma dopo 19 anni

 
ROMA
>ANSA-BOX/ Cinema: il Covid tema di un film corale europeo

>ANSA-BOX/ Cinema: il Covid tema di un film corale europeo

 
BOLOGNA
Musica: Icarus Ensemble vince bando ministero degli Esteri

Musica: Icarus Ensemble vince bando ministero degli Esteri

 
ROMA
Emma e Bismark insieme in un brano che non ti aspetti

Emma e Bismark insieme in un brano che non ti aspetti

 
ROMA
S . Cecilia : Omaggio a Morricone, Pappano fa il bis

S . Cecilia : Omaggio a Morricone, Pappano fa il bis

 
ROMA
Casa del Jazz Reloaded, 12mila presenze a 60 concerti

Casa del Jazz Reloaded, 12mila presenze a 60 concerti

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Il Bari nella tana della Spal: Antenucci ferma l'orologio

Il Bari nella tana della Spal: Antenucci ferma l'orologio

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIn viale Europa
Foggia, sparatoria in periferia: tiro al bersaglio contro auto

Foggia, sparatoria in periferia: tiro al bersaglio contro auto

 
BatAumento dei casi
Coronavirus, 15 positivi al Comune di Andria, anche il commissario prefettizio

Coronavirus, 15 positivi al Comune di Andria, anche il commissario prefettizio

 
BariTrasporti
Bari, Fiera del Levante: ecco il piano mobilità, trasporto pubblico e parcheggi per la Campionaria

Bari, Fiera del Levante: ecco il piano mobilità, trasporto pubblico e parcheggi per la Campionaria

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
LecceLa vicenda
Duplice omicidio Lecce, il 21enne reo confesso in carcere in isolamento

Duplice omicidio Lecce, reo confesso in carcere in isolamento. Trovato altro biglietto con tempi del delitto Legale: «Ragazzo provato»

 
TarantoIl caso
Taranto, morte gruista Mittal: riparte l'inchiesta

Taranto, morte gruista Mittal: riparte l'inchiesta

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

ROMA

Venezia: Pedersoli, da Rondi accuse ingiuste e strumentali

"Nel film La verità su La Dolce Vita fatti inconfutabili"

Venezia: Pedersoli, da Rondi accuse ingiuste e strumentali

ROMA, 13 SET - "Mi trovo costretto, mio malgrado e con dispiacere, a replicare alle ingiuste e strumentali accuse del signor Umberto Rondi in relazione alla mancata menzione del nome di suo padre tra gli autori della sceneggiatura de La Dolce Vita". A sottolinearlo, in una nota, è Giuseppe Pedersoli, regista del docufilm La verità su La Dolce Vita, presentato alla Mostra del cinema di Venezia, in replica alle affermazioni di Rondi, che ha lamentato un presunto atteggiamento deliberatamente omissiorio e offensivo nei confronti del padre, il regista e sceneggiatore Brunello Rondi, all'interno dell'opera. "La pretesa del signor Rondi, che all'epoca non aveva visto il docufilm, peraltro ancora in fase di postproduzione, di avere il diritto di approvazione sul nostro lavoro - precisa tra l'altro Pedersoli - era richiesta inaccettabile. Non corrisponde al vero che io abbia detto che il signor Rondi sta cercando di farsi pubblicità, o di far pubblicità a suo padre, cosa peraltro legittima. Non corrisponde al vero che abbiamo cercato con lui un accordo, non abbiamo nessun accordo da fare. Ma soprattutto non corrisponde al vero che nel docufilm il nostro attore Petrucci dichiari che la sceneggiatura de La Dolce Vita sia stata scritta da Fellini, Flaiano e Pinelli, omettendo con mala fede da parte nostra, chissà per quale ragione poi, il nome di Brunello Rondi che appare come tutti sanno anche nei titoli del film di Fellini. Ciò che in realtà l'attore recita, nei panni di Giuseppe Amato, è che lui lesse all'Hotel Excelsior una sceneggiatura scritta da Fellini, Flaiano e Pinelli. Questo è documentalmente inconfutabile visto che abbiamo la sceneggiatura originale che Fellini consegnò ad Amato e ampio carteggio ufficiale, inclusi i contratti di acquisizione del progetto da parte di Amato, nei quali sono menzionati i nomi degli autori e non è indicato Brunello Rondi. Non vedo per quale motivo avremmo dovuto omettere o addirittura correggere l'autenticità di documenti originali, per soddisfare le pretese del signor Umberto Rondi, che non conosco e per il quale non ho motivi di astio". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie