Domenica 09 Dicembre 2018 | 19:59

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Più libri: Camilleri ammalato, annullato evento chiusura

Più libri: Camilleri ammalato, annullato evento chiusura

 
RIMINI
Musica: Gergiev dirige 'Simon Boccanegra' al Galli di Rimini

Musica: Gergiev dirige 'Simon Boccanegra' al Galli di Rimini

 
MILANO
Scala: Sergio Mattarella vede artisti

Scala: Sergio Mattarella vede artisti

 
MILANO
Scala, 5 minuti applausi per Capo Stato

Scala, 5 minuti applausi per Capo Stato

 
ROMA
Michael Dobbs, Ue è lenta e inefficiente

Michael Dobbs, Ue è lenta e inefficiente

 
ROMA
Debutto boom al Sacher per film Moretti

Debutto boom al Sacher per film Moretti

 
MILANO
Scala, vernice e ortaggi contro agenti

Scala, vernice e ortaggi contro agenti

 
LOS ANGELES
Grammy, Kendrick Lamar guida nomination

Grammy, Kendrick Lamar guida nomination

 
FIRENZE
Altre due date per il Lucca Summer

Altre due date per il Lucca Summer

 
MILANO
Scala: centinaia in fila per loggione

Scala: centinaia in fila per loggione

 
FIRENZE
Discendenti Cherubini,sì spoglie S.Croce

Discendenti Cherubini,sì spoglie S.Croce

 

ROMA

Buster Keaton, addio 50 anni fa a genio

Pioniere del cinema muto, unico a oscurare stella di Chaplin

Buster Keaton, addio 50 anni fa a genio

ROMA, 30 GEN - Tutto il cinema del mondo, quello americano in prima fila, lunedì 1 febbraio dovrebbe alzarsi in piedi e fare un ultimo applauso (naturalmente silenzioso) in onore di Joseph Frank Kesaton detto "Buster", ovvero rompicollo, distruttore, indistruttibile, dal soprannome che - narra la leggenda - gli affibbiò Houdini il mago vedendolo uscire indenne da una rovinosa caduta sulle scale di casa. Era nato a Piqua, in Kansas, il 4 ottobre 1895. E' stato un protagonista geniale del cinema muto, attore e regista. Negli anni '20 era una star assoluta al pari di Chaplin. Con il sonoro cominciò la decadenza: il suo genio viveva di fisicità e visualità, il suo mondo era quello dell'impossibile che diventava reale. Abbandonato dalla moglie, precipitato nella depressione e nell'alcool, non recuperò mai la stima di sé. Nel 1960 un tardivo Oscar alla carriera. Alla Mostra di Venezia fu premiato per "Film" del '64. La morte lo coglierà sul set di "Dolci vizi al foro", nel 1966 quando era già malato terminale senza saperlo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400