Domenica 18 Agosto 2019 | 11:11

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Morto Williams, il papà di Roger Rabbit

Morto Williams, il papà di Roger Rabbit

 
NEW YORK
E' morto Peter Fonda,icona di Easy Rider

E' morto Peter Fonda,icona di Easy Rider

 
ROMA
Facchinetti-D'Orazio preparano Parsifal

Facchinetti-D'Orazio preparano Parsifal

 
ROMA
Festa in maschera a NY per Madonna

Festa in maschera a NY per Madonna

 
BOLOGNA
Cineteca Bologna, Easy Rider in sala 9/9

Cineteca Bologna, Easy Rider in sala 9/9

 
LECCE
Notte Taranta:cominciato montaggio palco

Notte Taranta:cominciato montaggio palco

 
MODENA
Il chiarismo di Sorgato, mostra a Modena

Il chiarismo di Sorgato, mostra a Modena

 
ROMA
Toffa, Le Iene la salutano con ballo

Toffa, Le Iene la salutano con ballo

 
MATERA
Matera vuole la sede del polo museale

Matera vuole la sede del polo museale

 
TORREPADULI (LECCE)
Notte Taranta: Emiliano balla la pizzica

Notte Taranta: Emiliano balla la pizzica

 
RIMINI
'Fellini e il sacro' tra Rimini e Roma

'Fellini e il sacro' tra Rimini e Roma

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
TarantoIl contenzioso
Porticciolo S. Francesco, il Tar condanna il Comune: pagherà 1,5 mln

Porticciolo S. Francesco, il Tar condanna il Comune di Taranto: pagherà 1,5 mln

 
NewsweekVacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
FoggiaI controlli
Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 
BariLa denuncia di Radicali e Penalisti
«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: grave la figlia di 6 anni

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 

i più letti

A 90 anni

Addio a Luciano De Crescenzo, l'ingegnere filosofo

Morto a Roma, al policlinico Gemelli, Luciano De Crescenzo, l'ex ingegnere diventato scrittore bestseller, regista, attore e conduttore televisivo

Luciano De Crescenzo

Luciano De Crescenzo

LUCIANO DE CRESCENZO - Dietro l’aria sorniona e un personaggio minuziosamente costruito negli anni, è stato prima di tutto un umanista, che ha fatto dell’ironia e della divulgazione le sue bandiere espressive, intingendo il tutto in un umorismo sapido e colto e traducendo la filosofia greca nel buonsenso comune. E’ morto a Roma, al policlinico Gemelli, Luciano De Crescenzo, l’ex ingegnere diventato scrittore bestseller, regista, attore e conduttore televisivo. Avrebbe compiuto 91 anni il 18 agosto.

Nato a Napoli nel 1928, quartiere San Ferdinando, zona Santa Lucia, esemplare tipico dell’intellettuale partenopeo, Luciano De Crescenzo, figlio di un fabbricante e negoziante di pellami, ha svelato negli anni e a modo suo, ogni dettaglio della sua biografia: dai genitori che si conoscono «in fotografia» grazie a una popolare sensale del tempo fino alle marachelle col compagno di scuola Carlo Pedersoli in arte Bud Spencer; dall’apprendistato nella ditta del padre ai brillanti studi in ingegneria idraulica passando per i giorni di guerra a Cassino.

Con una scelta anticonformista, dopo aver fatto carriera da informatico alla Ibm, lascia il lavoro e si dedica alla scrittura usando le armi del surreale e del paradosso in «Così parlo Bellavista» (1977). Lo scopre Maurizio Costanzo che lo trasforma in opinionista nel suo programma di successo «Bontà loro». La simpatia bonaria del personaggio, la complicità con il conduttore e l’oggettivo successo delle qualità narrative di Luciano De Crescenzo portano il libro a vendere oltre 600.000 copie e l'autore a ripetere il suo «doppio» letterario in nuove storie mentre la passione per il cinema e la frequentazione della tv lo incitano a passare dietro la macchina da presa.

Avverrà proprio con «Bellavista» nel 1984 ma prima, con la complicità dell’amico Roberto Benigni e poi con la guida di Renzo Arbore, mette a fuoco le sue doti di attore e improvvisatore ne «Il Pap'Occhio» (1980) per poi ritrovare gli stessi amici tre anni dopo in «FF.SS» sempre con la regia di Arbore. Nel 1984, Luciano si mette in proprio adattando per lo schermo «Così parlò Bellavista» seguito nell’85 da «Il mistero di Bellavista». Sono commedie di buon successo ma in fondo non soddisfano la passione del divulgatore culturale che è in lui e che si sfoga invece in una lunga serie di best seller tra la narrativa, la barzelletta e la saggistica, attingendo sempre più spesso agli umori della cultura partenopea e al mito della Magna Grecia. Proverà a coniugare le sue passioni più sofisticate nel surreale «32 dicembre» del 1988 che è un trattatello a episodi sulla relatività del tempo ispirato a un’altra delle sue prove letterarie: «I dialoghi di Bellavista». Luciano De Crescenzo firmerà il suo ultimo film, e il più personale, nel 1995 con una delle amiche più care, Isabella Rossellini, e Teo Teocoli: "Croce e delizia». In compenso da allora ha trovato in Lina Wertmuller una nuova complice che per due volte lo ha convinto ad apparire nei suoi film, «Sabato, domenica e lunedì» e poi "Francesca e Nunziata».

Sempre attivo sul fronte editoriale con un totale di 50 libri pubblicati, Luciano De Crescenzo ha invece drasticamente ridotto e poi annullato le sue presenze in tv fin dal 2007. L’autunno del patriarca non è dei più felici: una noiosa e persistente malattia neurologica ne ha limitato quella socialità immediatamente intima che tante soddisfazioni gli ha regalato, consacrandolo come sofisticato e popolarissimo intellettuale partenopeo, erede dei Caccioppoli, dei Croce, Rea, La Capria e di una cultura che ha le sue radici nella culla del Mediterraneo.

Luciano De Crescenzo, D'Agostino: «Impossibile non volergli bene» - «Dopo quarant'anni insieme il dolore è tanto. Ma c'è anche la consapevolezza che Luciano ha vissuto, si è divertito, ci ha fatto divertire. E tutti noi lo abbiamo sempre amato». Roberto D’Agostino ricorda con l’Ansa De Crescenzo e i tempi di «Quelli della notte», il programma di Rai2 che negli anni '80 li rese entrambi popolari, il disincantato filosofo napoletano e il lookologo romano col codino. Ma anche le tante serate passate insieme con quello che era a tutti gli effetti un gruppo di amici.

«Luciano era sempre con Arbore, aveva un rapporto specialissimo con lui», ricorda oggi Dago. «Quello che posso dire - riprende - è che in fondo Luciano non è mai stato un personaggio, ma una persona. Una persona dotata di disincanto, capace di farci vedere la realtà in maniera diversa. Coltissimo, eppure mai supponente, mai in cattedra. Eppure era riuscito a farci capire che in fondo tutto il mondo è una farsa, la vita è una farsa. Questo era riuscito a fare Luciano, senza usare paroloni». Certo, aggiunge, «gli dava fastidio non essere considerato dalla scena letteraria italiana, lui che ha pubblicato tanti libri si sentiva snobbato dalla critica». Ma è vero anche «che la sua vita è stata straordinaria, piena di colpi di scena, anche perché lui era fantastico, capace di trasformare tutto quello che viveva in uno sceneggiato. Noi gli abbiamo voluto tutti un gran bene. Impossibile non amare Luciano».

Luciano De Crescenzo, il Napoli su Twitter: «Ciao Luciano» - Dal proprio account Twitter ufficiale, il Napoli ha salutato Luciano De Crescenzo. Nel tweet del Napoli si legge "Ciao Luciano", seguito da un cuore azzurro, dall’hashtag #forzanapolisempre e da una sua citazione: "Essendo napoletano mi rendo conto che quasi tutti i napoletani sono uomini d’amore, quindi se dovessi nascere un’altra volta io preferirei sempre Napoli".

Luciano De Crescenzo, Arbore e Laurito erano con lui in ospedale - Renzo Arbore e Marisa Laurito, amici stretti dello scrittore Luciano De Crescenzo, erano con lui in ospedale - secondo quanto si apprende - accompagnandolo fino alla fine.

Luciano De Crescenzo, M5S: «Divulgatore filosofico come pochi» - «Con Luciano De Crescenzo se ne va uno scrittore e un regista brillante, un divulgatore filosofico come pochi». Lo dichiarano, in una nota congiunta, i deputati e i senatori del MoVimento 5 Stelle nelle commissioni Cultura.

«Lo salutiamo, stringendoci ai suoi familiari, non dimenticando il suo contributo culturale per il nostro Paese e il dipinto straordinario che ha saputo fare del suo territorio - aggiungono - In modo ironico e mai banale, ha raccontato Napoli nei suoi vizi, nelle sue contraddizioni e nella sua bellezza con film che sono rimasti nell’immaginario collettivo per le loro scanzonate, ma profonde note».

Luciano De Crescenzo, Magorno: «Pezzo importante cultura italiana» - «Dopo Camilleri se ne va un altro pezzo importante della cultura italiana: Luciano #DeCrescenzo. I suoi pensieri e la sua simpatia mancheranno a tutti noi». Lo scrive su twitter il senatore del Pd Ernesto Magorno.

Luciano De Crescenzo, Bergamo: «Ricordo ironia e passione divulgatore» - «Oggi ci ha lasciato Luciano De Crescenzo, scrittore, attore, regista e conduttore televisivo che con la sua ironia unica e la passione di divulgatore ci ha trasmesso la sua grande cultura e il suo spirito napoletano. Esprimo la mia vicinanza ai familiari e amici». Così il Vicesindaco con delega alla Crescita culturale di Roma Luca Bergamo.

Luciano De Crescenzo, sindaco Napoli proclama lutto cittadino - Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha proclamato il lutto cittadino nel giorno dei funerali di Luciano De Crescenzo, disponendo che sugli edifici pubblici le bandiere siano poste a mezz'asta. 

Luciano De Crescenzo, Piero Angela: «Erede dell'illuminismo napoletano» - «Era il perfetto erede dell’illuminismo napoletano, una persona di grande umorismo e tolleranza, di fine educazione e insieme capace di battute sempre folgoranti e divertenti». Piero Angela ricorda così Luciano De Crescenzo - morto oggi a Roma a 90 anni - che conosceva bene: «Intanto aveva quasi la mia età, ci separavano solo poche settimane. E poi ci siamo incontrati diverse volte - racconta - l’ultima a cena a casa di Marisa Laurito: in quella occasione era molto chiuso in se stesso, aveva perso quel modo brillante di porsi».

Tra i tanti ricordi, Piero Angela cita un episodio avvenuto durante le riprese del film Così parlò Bellavista, che gli aveva raccontato lo stesso De Crescenzo: «Durante una pausa della lavorazione, un signore si avvicinò e gli disse: 'Dottò, venga a casa mia, devo farle vedere una cosa che apprezzerà'. E Luciano: 'Guardi che ho da fare, sto lavorandò. Ma poi, dopo diverse insistenze, ci andò. E quel signore gli mostrò un piccolo quadro appeso alla parete, coperto da una specie di sipario, con una candelina davanti come si fa con i santi. 'Ma chi è, San Gennaro?, chiese De Crescenzo. L’uomo tirò il cordino del sipario, e venne fuori un grande punto interrogativo. Insomma, era un altarino al dubbio: simbolo perfetto di quello scetticismo elegante che solo a Napoli può esistere»

Luciano De Crescenzo, Policlinico Gemelli: «Morto per grave malattia» - «Lo scrittore e regista Luciano De Crescenzo è morto oggi, giovedì 18 luglio, intorno alle ore 16.00, presso il Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS per le conseguenze di una grave malattia». Lo comunica lo stesso ospedale romano in una nota.

«De Crescenzo, nato a Santa Lucia (Napoli) il 20 agosto 1928, era ricoverato da circa due settimane presso l’UOC di Pneumologia del Gemelli, diretta dal professor Luca Richeldi. Accanto a lui i familiari e gli amici più cari che lo hanno accompagnato anche null'ultima fase della sua malattia».

Luciano De Crescenzo, Tofalo: «Ha interpretato l'anima di Napoli» - «Napoli piange il suo ingegnere filosofo. Luciano De Crescenzo, gigante della cultura contemporanea, con le sue brillanti opere ha interpretato l'anima del popolo partenopeo, conquistando il cuore degli italiani». Lo scrive in una nota di cordoglio il Sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo.

Luciano De Crescenzo, Bonisoli: «Ha avvicinato tanti alla filosofia» - «Grazie per aver contribuito ad avvicinare, con ironia e leggerezza, tanti giovani allo studio della mitologia greca e all’amore per la filosofia. Fà buon viaggio. #lucianodecrescenzo» . E’ il tweet del ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli che commenta la morte oggi a Roma dello scrittore e filosofo Luciano De Crescenzo.

Luciano De Crescenzo, Gelmini (FI): «Giorno triste per Napoli e Italia» - «Addio a Luciano De Crescenzo, che dalla narrativa allo spettacolo ha saputo catturarci con la sua 'filosofià e la sua ironia. È un giorno triste per Napoli e per l'Italia». Così su Twitter Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia.

Luciano De Crescenzo, Carfagna: «Cielo di Napoli ha una stella in più» - «Nessuno è stato in grado di fondere filosofia e vita quotidiana come ha fatto Luciano De Crescenzo. Il suo brillante spirito, squisitamente partenopeo, ha appassionato milioni di lettori in Italia e nel mondo. Il cielo di Napoli da oggi ha una stella in più. Ciao Luciano».

Così Mara Carfagna, coordinatrice nazionale di Forza Italia e vicepresidente della Camera, su Twitter.

Luciano De Crescenzo, De Luca: «Ha rappresentato umanità del Sud» - «Luciano De Crescenzo è stato una delle figure più belle, più semplici, più rappresentative dell’umanità e della cultura meridionale. Il filosofo di Napoli, della nostra terra». E’ quanto scrive sui social il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca.

«Ha saputo interpretare al meglio il senso della storia che è dentro la gente del Sud: questo senso non significa solo non avere l’ansia, l’affanno e l’ossessione della corsa alla ricchezza - aggiunge - ma anche un senso umano delle relazioni tra gli uomini che forse è andato perdendosi negli ultimi tempi. Gli siamo infinitamente grati».

Luciano De Crescenzo, Arbore: «Era maestro delle cose belle» - «Con la scomparsa di Luciano De Crescenzo perdiamo tutti un grande amico. Era un maestro per tutte le cose belle che c'ha fatto conoscere. È una gravissima perdita per la cultura italiana e per la città di Napoli di cui era un esponente fiero ed orgoglioso». Così Renzo Arbore, alla notizia della morte dell’amico e collega Luciano De Crescenzo.

Luciano De Crescenzo, de Magistris: «Ha interpretato anima napoletana» - «Esprimo il cordoglio profondo mio personale e della città di Napoli per la fine terrena del grande Luciano De Crescenzo, uomo di immensa cultura che ha saputo interpretare al meglio l’anima del popolo napoletano. Persona di estrema intelligenza, enorme cultura e di una naturale simpatia tutta partenopea. Luciano mancherà molto a Napoli e alla sua gente, lo ricorderemo tutti con immenso affetto e gratitudine». E' il messaggio del sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie