Venerdì 14 Dicembre 2018 | 04:42

NEWS DALLA SEZIONE

TORINO
Morandini consiglia 5 film con graffiti

Morandini consiglia 5 film con graffiti

 
PERUGIA
A Natale Uj porta la musica in carcere

A Natale Uj porta la musica in carcere

 
TORINO
Alla Galleria Sabauda l'abate Ramelli

Alla Galleria Sabauda l'abate Ramelli

 
ROMA
Elisa e Calcutta, singolo insieme

Elisa e Calcutta, singolo insieme

 
TORINO
Leonardo, campagna eventi in Piemonte

Leonardo, campagna eventi in Piemonte

 
NAPOLI
Al Mann i misteri dell'antica Cina

Al Mann i misteri dell'antica Cina

 
ROMA
Classico Pop, arte di imitare capolavori

Classico Pop, arte di imitare capolavori

 
BERLINO
A Berlino galleria firmata Chipperfield

A Berlino galleria firmata Chipperfield

 
ROMA
Macchine mortali, futuro steampunk

Macchine mortali, futuro steampunk

 
ROMA
Enrique Iglesias, tour per 20/o carriera

Enrique Iglesias, tour per 20/o carriera

 
ROMA
Wine to Love, la Muti tra amore e affari

Wine to Love, la Muti tra amore e affari

 

ROMA

Frasi omofobe, Hart non condurrà Oscar

Le scuse alla comunità Lgbt, 'parole fanno parte del passato'

Frasi omofobe, Hart non condurrà Oscar

ROMA, 7 DIC - A due giorni dall'annuncio che avrebbe condotto la cerimonia degli Oscar 2019, Kevin Hart rinuncia dopo le proteste legate ad alcune sue frasi omofobe, scritte tra il 2009 e il 2011. Lo ha annunciato lo stesso attore comico su Twitter: "Mi ritiro dalla presentazione degli Academy Awards - ha spiegato - perché non voglio essere una distrazione in una serata dedicata al meglio del cinema mondiale. Mi scuso sinceramente con la comunità Lgbt per le parole insensibili che fanno parte del mio passato". "Mi dispiace di aver ferito qualcuno, mi sto evolvendo e voglio continuare a farlo. Il mio scopo nella vita è quello di unire le persone e non dividerle", ha aggiunto. Nel mirino, in particolare, un suo tweet - poi cancellato - del 2011: "Se mio figlio arriva a casa e gioca con una bambola della sorellina - aveva scritto Hart - potrei prendere la bambola e rompergliela in testa e poi urlargli: "Questo non si fa! È da gay!".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400