Domenica 09 Dicembre 2018 | 22:34

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Più libri: Camilleri ammalato, annullato evento chiusura

Più libri: Camilleri ammalato, annullato evento chiusura

 
RIMINI
Musica: Gergiev dirige 'Simon Boccanegra' al Galli di Rimini

Musica: Gergiev dirige 'Simon Boccanegra' al Galli di Rimini

 
MILANO
Scala: Sergio Mattarella vede artisti

Scala: Sergio Mattarella vede artisti

 
MILANO
Scala, 5 minuti applausi per Capo Stato

Scala, 5 minuti applausi per Capo Stato

 
ROMA
Michael Dobbs, Ue è lenta e inefficiente

Michael Dobbs, Ue è lenta e inefficiente

 
ROMA
Debutto boom al Sacher per film Moretti

Debutto boom al Sacher per film Moretti

 
MILANO
Scala, vernice e ortaggi contro agenti

Scala, vernice e ortaggi contro agenti

 
LOS ANGELES
Grammy, Kendrick Lamar guida nomination

Grammy, Kendrick Lamar guida nomination

 
FIRENZE
Altre due date per il Lucca Summer

Altre due date per il Lucca Summer

 
MILANO
Scala: centinaia in fila per loggione

Scala: centinaia in fila per loggione

 
FIRENZE
Discendenti Cherubini,sì spoglie S.Croce

Discendenti Cherubini,sì spoglie S.Croce

 

ROMA

Jeff Buckley, parole di un angelo caduto

Le interviste all'artista di Grace e della cover di Hallelujah

Jeff Buckley, parole di un angelo caduto

ROMA, 18 NOV - Per chi negli anni Novanta aveva venti anni c'era un pugno di "eroi belli e disperati, che rifuggivano la fama e creavano musica mostruosamente bella e sincera": Kurt Cobain, Eddie Vedder, Elliot Smith, Cat Power. "E poi c'era lui, il più etereo, angelico e profondo di tutti, Jeff Buckley". Cosi Federico Traversa spiega la genesi del libro dedicato al giovane cantautore e chitarrista americano, morto a Memphis a 30 anni la sera del 29 maggio del 1997, annegato nel Wolf River dove era entrato vestito e con gli stivali per fare un bagno. Qualche tempo fa la frase "Ancora mi manca Jeff Buckley" che un Charlie Brown affranto dice a Lucy ha spinto Traversa a mettersi all'opera per tracciare un ritratto nuovo dell'artista. "Mi accorsi che l'unico modo per raccontarlo era lasciare che a parlare fosse lui stesso", spiega nell'introduzione a "Jeff Buckley, l'impressione di essere eterno" (Chinasky Edizioni), curato con Marco Porsia e Francesca D' Ancona, raccolta di "interviste perdute", edite o mai pubblicate

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400