Domenica 18 Novembre 2018 | 19:08

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Jeff Buckley, parole di un angelo caduto

Jeff Buckley, parole di un angelo caduto

 
NEW YORK
Aste a New York tra record e flop

Aste a New York tra record e flop

 
FIRENZE
Fuochi di Cai Guo-Qiang su cielo Firenze

Fuochi di Cai Guo-Qiang su cielo Firenze

 
Vincent Cassel detective

Vincent Cassel detective

 
MILANO
Chiude Bookcity con numeri in aumento

Chiude Bookcity con numeri in aumento

 
Cinema: Vincent Cassel detective in un family-thriller

Cinema: Vincent Cassel detective in un family-thriller

 
ROMA
Deutschland '86 serie sulle due Germanie

Deutschland '86 serie sulle due Germanie

 
VENEZIA
Spirit of peace, vetro soffiato a Vienna

Spirit of peace, vetro soffiato a Vienna

 
ROMA
Elemento 115, nuova casa editrice

Elemento 115, nuova casa editrice

 
SPOLETO
Sisma, nell'ospedale dell'arte

Sisma, nell'ospedale dell'arte

 
MILANO
Sala, Tempo di Libri trovi sua formula

Sala, Tempo di Libri trovi sua formula

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

ROMA

Teatro: Jasmine Trinca per 'La maladie de la mort'

Teatro: Jasmine Trinca per 'La maladie de la mort'

(di Paolo Petroni) ROMA, 10 NOV - Si intitola non a caso 'La maladie de la mort', come il racconto di Marguerite Duras da cui è liberamente tratto, lo spettacolo ospite per due sere del Teatro di Roma all'Argentina, cupo e ossessivo, freddo e violento, firmato da Katie Mitchell, su un rapporto di coppia che mette assieme una donna che si vende con tutta la meccanicità che questo comporta e un uomo che è morto dentro, incapace del tutto di amare, e spera da questo incontro ripetuto di notte in notte di ricavare una impossibile scintilla di sentimento, di vita. Il lavoro, proveniente da Torino, sarà a Bologna dal 13 al 16 novembre e a Prato dal 20 al 23. C'è una voce narrante, quella dell'autrice, che fa osservazioni o riferisce pensieri in un linguaggio intenso e molto letterario, ed è di Jasmine Trinca, presente in scena in una sorta di cabina di regia, visto che tutto è costruito come un set per la ripresa di un film, in linea con la ricerca sul sovrapporsi e incrociarsi dei linguaggi di scena e tecnologici della Mitchell. Laetitia Dosch e Nick Fletcher sono i due protagonisti che, all'inizio di ogni incontro nella camera d'albergo di lui in una cittadina di mare, si spogliano e recitano nudi, mentre le loro immagini una troupe cinematografica manda in diretta su un grande schermo che sovrasta il palcoscenico, dove sono allestiti la stanza e il corridoio antistante, mentre di lato è la cabina della Trinca. Poche le parole, perché lui vuole che lei non dica nulla e sottostia solo ai suoi voleri, anche se ogni tanto domanda, per venire a sapere che lui è sempre stata persona del tutto priva di sentimenti, incapace di provare emozioni, che risolve principalmente nel voyeurismo il rapporto, magari guardando la donna dormire, osservandone il corpo nei suoi particolari e sperando questo gli riveli qualche misterioso segreto e crei una crepa nella sua corazza. Ma non accadrà nulla e anche i rari e meccanici rapporti sessuali non aggiungono nulla. Da buon voyeur, lui soffre della propria situazione, vorrebbe lavar via tutto con pulizie di lei e proprie; patisce sino, una volta, a piangere e lamentarsi sonoramente accoccolato nella doccia, nel sentirsi prigioniero di tanta impotenza a vivere, che gli suscita solo pulsioni violente non sempre trattenute. E qui il voyeurismo è all'ennesima potenza, in lui che guarda lei, in lui che guarda al pc video porno, in lui che filma lei col telefonino, e il tutto sempre ripreso dalla telecamera che costruisce e restituisce la vicenda sullo schermo. Al fondo, volendo, forse si potrebbe leggere qualcosa che si lega ai rapporti tutti virtuali e distanti cui ci ha abituato il mondo delle immagini nel Web oggi. La luce è sempre poca, le parole a bassa voce, e non si avverte mai davvero un'emozione, una scintilla di vitalità o semplice sessualità, così che lo spettacolo, pur durando poco più di un'ora, ha un suo andamento anche monotono, noioso, che è poi la sostanza stessa del loro rapporto. Nel doversi confrontare con una morte dello spirito tanto assoluta, lei si trova a ricordare il proprio incontro infantile con un'altra morte, con la scoperta del corpo impiccato del padre suicida, cui comunque nel tempo ha reagito continuando a voler vivere, tanto da avere un figlio, come svela l'immagine finale cinematografica, dove il bambino la raggiunge sulla spiaggia e mangiano assieme un panino.(ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400