Mercoledì 13 Novembre 2019 | 10:22

NEWS DALLA SEZIONE

NAPOLI
Musica: rifiuti e scarti diventano strumenti musicali

Musica: rifiuti e scarti diventano strumenti musicali

 
FABRIANO (ANCONA)
Leggenda batteria Steve Gadd a Fabriano

Leggenda batteria Steve Gadd a Fabriano

 
MILANO
A Brescia l'attivista curda Zehra Dogan

A Brescia l'attivista curda Zehra Dogan

 
CAGLIARI
Teatro: dopo Macbettu Serra rilegge capolavoro di Cechov

Teatro: dopo Macbettu Serra rilegge capolavoro di Cechov

 
ROMA
Musica: da Sting a Bocelli per i 60 del flautista Griminelli

Musica: da Sting a Bocelli per i 60 del flautista Griminelli

 
ROMA
De Sica, horror-comedy con omaggio a papà

De Sica, horror-comedy con omaggio a papà

 
NAPOLI
Musica: cittadinanza onoraria di Napoli a Bruno Venturini

Musica: cittadinanza onoraria di Napoli a Bruno Venturini

 
BARI
Danza: Natalie Wagner in Puglia tra sensori, app e desideri

Danza: Natalie Wagner in Puglia tra sensori, app e desideri

 
ROMA
Segre a Lugano per concerto diretto da Pappano

Segre a Lugano per concerto diretto da Pappano

 
ROMA
Kiss, End of the road tour anche a Verona

Kiss, End of the road tour anche a Verona

 
ROMA
Subito in vetta box office Le ragazze di Wall Street

Subito in vetta box office Le ragazze di Wall Street

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariOperazioni dei Cc
Droga, due arresti a Sammichele e Gioia: anche una donna di 65 anni

Droga, due arresti a Sammichele e Gioia: anche una donna di 65 anni

 
LecceMaltempo
Porto Cesareo, tromba d'aria fa volare pontile di 60 metri : barche trascinate per 300 metri

Porto Cesareo, tromba d'aria fa volare pontile: barche trascinate per 300 metri. Sindaco: città in ginocchio Video

 
PotenzaL'inciesta
Potenza, 17 misure per corruzione su autorizzazioni edilizie: bufera su Regione e Comune Venosa

Potenza, 17 misure per corruzione su autorizzazioni edilizie: bufera su Regione e Comune Venosa

 
BatPalazzo Della Marra
Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

 
BrindisiIl vertice
Bomba a Brindisi, piano evacuazione per 50mila persone: c'è anche il carcere

Bomba a Brindisi, piano evacuazione per 50mila persone: c'è anche il carcere

 
TarantoL'inchiesta
Ilva, pm Milano chiede archiviazione accuse per fascicolo-madre sui Riva

Ilva, pm Milano chiede archiviazione accuse per fascicolo-madre sui Riva

 
Foggianel Foggiano
S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

 
Materameteo
Maltempo, tromba d'aria nel Materano, scuole chiuse

Maltempo, tromba d'aria nel Metapontino, acqua a fiumi per le strade. Domani scuole aperte

 

i più letti

TORINO

Mostre: Silvia Jacovitti, così mio padre creava fumetti

Mostre: Silvia Jacovitti, così mio padre creava fumetti

TORINO, 27 OTT - "Mio padre regalava i suoi disegni a chi veniva a trovarlo. Qualcuno ne ha anche approfittato e ne ha fatto incetta. Quando è morto mi hanno proposto di ricomprare dei disegni di Pinocchio per 150 milioni di lire. Mi è preso un colpo. Una cifra che non potevo permettermi, anche se a quei disegni ero davvero affezionata. Me ne sono rimasti soltanto otto, peccato". È il rimpianto di Silvia, figlia del grande umorista e fumettista Jacovitti, che ha creato Cocco Bill, il pistolero dalla 'camomilla facile' anticipatore dello 'spaghetti western'. Silvia, romana, 62 anni, ha curato con il vignettista Dino Aloi una grande mostra al Centro Saint-Benin di Aosta, dove fino al 28 aprile 2019 sono esposti 250 disegni originali, molti inediti. Una mostra che Silvia ha voluto dedicare alla mamma Lilli, morta tre ore dopo il marito nel 1997. "Erano molto uniti e innamorati. È successo a molte coppie di andarsene a breve distanza, ma forse nessuno ci ha messo la velocità di mia mamma. È una cosa che auguro a tutti quelli si amano", ha detto durante l'inaugurazione della mostra 'Il mondo di Jacovitti', alla presenza dell'assessore all'Istruzione e Cultura della Regione Valle D'Aosta, Paolo Sammaritani. Silvia descrive Jacovitti come "un eterno adolescente, più che un padre un fratello minore di tredici anni, dispettoso, che amava fare scherzi terribili, soprattutto alle vecchiette di famiglia. Nonne e zie erano le sue vittime preferite. L'ultima volta che l'ho visto ballava il Tip Tap". "Usciva poco, non ha mai fatto viaggi - racconta - il suo mondo era nei 20 metri quadri dello studio dove, dalle 7 alle 7, disegnava tutti i giorni. Solo a luglio e agosto andavamo al mare tutti insieme in Versilia, ma aveva uno studio anche là. Io lo guardavo lavorare, già da piccolissima, sul seggiolone. Pinocchio l'ho visto nascere, è uno di quei personaggi per i quali mio padre faceva le prove su di me. Quando mi ha mostrato la prima versione della fata turchina, cicciona e orribile, mi sono messa a piangere. L'ha rifatta, non era certo quella che immaginavo, ma poteva andare". Silvia è commossa. "Mio padre - dice - non ha mai visto una mostra su di lui, sarebbe stato felice. Questa è molto bella, la porteremo in giro per l'Italia. Peccato che a Roma e a Milano non si riesca a farne, vanno solo Manara, Crepax e Tex. Eppure le sue sono opere d'arte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie