Lunedì 17 Dicembre 2018 | 07:59

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Incassi Usa, Spider-man animato è al top

Incassi Usa, Spider-man animato è al top

 
ROMA
Strenne tra libri cult e memoir

Strenne tra libri cult e memoir

 
SASSOCORVARO (URBINO)
Storia mirabile della Rocca Sassocorvaro

Storia mirabile della Rocca Sassocorvaro

 
ROMA
La carica degli Spider-man a Natale

La carica degli Spider-man a Natale

 
ROMA
Butterfly, Max vuole essere Maxine

Butterfly, Max vuole essere Maxine

 
ASSISI (PERUGIA)
A Noa premio Pellegrino di Pace Assisi

A Noa premio Pellegrino di Pace Assisi

 
ROMA
Da Giosetta Fioroni calendario Avvento

Da Giosetta Fioroni calendario Avvento

 
NAPOLI
Pryce 'Legend' a Capri, Hollywood

Pryce 'Legend' a Capri, Hollywood

 
ROMA
Efa, vince Cold War.Fonte miglior attore

Efa, vince Cold War.Fonte miglior attore

 
SIVIGLIA
Cinema: EFA, l'Italia è Marcello Fonte. Trionfa Cold War

Cinema: EFA, l'Italia è Marcello Fonte. Trionfa Cold War

 
TRIESTE
A Trieste il valzer più grande del mondo

A Trieste il valzer più grande del mondo

 

PRATO

30 anni del Pecci Prato che si racconta

La mostra, fino al 25 giugno 2019, guarda anche al suo futuro

30 anni del Pecci Prato che si racconta

PRATO, 22 SET - Il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci compie trent'anni e diventa "Il museo immaginato". Questo il titolo della mostra inaugurata a Prato che rilegge le vicende attraverso un percorso inedito di fatti, dati statistici, aneddoti, ricordi e opere scelte dalla collezione e dalla storia delle mostre. Tutto ideato (e curato) dalla nuova direttrice, Cristiana Perrella. "Più che una celebrazione - ha spiegato - si è trattato di un racconto in forma di autofiction, in cui la realtà di quanto accaduto si alterna a una visione immaginativa del museo che reinterpreta e configura il passato alla luce della sensibilità del presente, proiettandolo in un futuro possibile". La mostra, fino al 25 giugno 2019, ripercorre le vicende che ne hanno segnato la storia - a partire dall'iniziativa di Enrico Pecci, industriale tessile pratese, che immagina il museo come dono alla città in memoria di suo figlio Luigi, trovando pronta risposta e collaborazione nel Comune di Prato e in altri imprenditori e cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400