Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 02:19

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Bohemian Rapsody anche in Italia karaoke

Bohemian Rapsody anche in Italia karaoke

 
NEW YORK
Remake West Side Story, trovata 'Maria'

Remake West Side Story, trovata 'Maria'

 
ROMA
Indochine, Gloria feat. Asia Argento

Indochine, Gloria feat. Asia Argento

 
TORINO
Salone Libro, marchio a nuova proprietà

Salone Libro, marchio a nuova proprietà

 
ROMA
Fontana a favore di Carone e Dear Jack

Fontana a favore di Carone e Dear Jack

 
ROMA
In sala Don Chisciotte dal Royal Ballet

In sala Don Chisciotte dal Royal Ballet

 
NAPOLI
Pompei, Russo direttrice ad interim

Pompei, Russo direttrice ad interim

 
ROMA
Mathera, una rinascita che si fa futuro

Mathera, una rinascita che si fa futuro

 
ROMA
Musica: 'Africa' dei Toto suonerà in eterno nel deserto

Musica: 'Africa' dei Toto suonerà in eterno nel deserto

 
MILANO
A Milano nel 2018 6,8 mln di visitatori

A Milano nel 2018 6,8 mln di visitatori

 
ROMA
S. Cecilia, Chung dirige Cajkovskij

S. Cecilia, Chung dirige Cajkovskij

 

ROMA 14 SET

Sembra mio figlio, genocidio e migranti

La Quatriglio racconta l'ignorato sterminio degli Hazara

Sembra mio figlio, genocidio e migranti

ROMA 14 SET - Maternità, genocidio e migrazione in un racconto epico di struttura classica. E' 'Sembra mio figlio' di Costanza Quatriglio, dal 20/9 in sala con Ascent Film dopo essere passato al Festival di Locarno. E' il racconto della ricerca della madre da parte di un emigrato afghano di razza hazara a Trieste. Sfuggito alle persecuzioni in Afghanistan quando era bambino, a 9 anni Ismail (Basir Ahang) fugge dal suo paese per approdare in Italia con il fratello Hassan (Dawood Yousefi). La madre, che non ha mai smesso di attendere notizie dai figli, al telefono non riconosce Ismail che ormai ha 28 anni. Dopo diverse strane telefonate, Ismail che nel frattempo si è totalmente integrato in Italia, andrà incontro in un lungo viaggio a quella madre assente tornando alla sua terra dove da sempre la sua razza, gli Hazara, è oggetto di un feroce quanto poco conosciuto genocidio. Il film nasce da una storia vera, quella di Mohammad Jan Azad arrivato in Italia dopo aver attraversato Pakistan, Iran, Turchia e Grecia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400