Mercoledì 21 Novembre 2018 | 07:34

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Aula Montecitorio, 100 anni di storia

Aula Montecitorio, 100 anni di storia

 
MILANO
De Gregori, cerco novità in musica live

De Gregori, cerco novità in musica live

 
ROMA
Amoroso, album 10 certificato platino

Amoroso, album 10 certificato platino

 
ROMA
Auditorium lancia black days cultura

Auditorium lancia black days cultura

 
VOLTERRA (PISA)
A Volterra festival del teatro reportage

A Volterra festival del teatro reportage

 
PARMA
Musica: a Parma il 12/o Barezzi Festival

Musica: a Parma il 12/o Barezzi Festival

 
PESCARA
Parodia abruzzese Maneskin, boom su web

Parodia abruzzese Maneskin, boom su web

 
NEW YORK
Flop ascolti House of Cards senza Spacey

Flop ascolti House of Cards senza Spacey

 
MILANO
Pupo, tra talenti Strafactor e Pinocchio

Pupo, tra talenti Strafactor e Pinocchio

 
FIRENZE
Premi, il Pinocchio a Andrea Balestri

Premi, il Pinocchio a Andrea Balestri

 
ROMA
Martini, al Tff vedremo gli 'invisibili'

Martini, al Tff vedremo gli 'invisibili'

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

MILANO

Antunes in mostra ad Hangar Bicocca

Tradizione modernista milanese nella prima personale in Italia

Antunes in mostra ad Hangar Bicocca

MILANO, 12 SET - Un omaggio a citazioni e dettagli, all'artigianalità e alla mano della tradizione modernista internazionale e soprattutto di Milano: è 'The last days in Galliate', la prima mostra personale in Italia dell'artista portoghese Leonor Antunes, in calendario dal 13 settembre al prossimo 13 gennaio, negli spazi dell'Hangar Bicocca di Milano. Le sculture e installazioni dell'artista si fondono con i 1.400 metri quadrati dello Shed dell'Hangar, trasformando lo spazio: dal pavimento in linoleum 'giallo fantastico', che richiama quello ideato da Gio Ponti per il Pirellone, fino al soffitto, che per la prima volta lascia entrare la luce dagli otto lucernari. La mostra propone storie di uomini, e donne soprattutto, diventate icone di design e architettura "ma che spesso e per troppo tempo sono rimaste in ombra", ha sottolineato Antunes. Come Franca Helg e Clara Porset, a cui si ispira il titolo dell'esposizione, ma anche Anni Albers, designer di origine tedesca, Lina Bo Bardi e pure Franco Albini e Gio Ponti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400