Sabato 19 Gennaio 2019 | 21:15

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Mattarella, Matera è il Sud che innova

Mattarella, Matera è il Sud che innova

 
PALERMO
A Catania 'Il flauto magico'

A Catania 'Il flauto magico'

 
Tv: Celentano alle prove a Verona, ma è mistero su 'Adrian'

Tv: Celentano alle prove a Verona, ma è mistero su 'Adrian'

 
ROMA
A San Valentino in sala Mamma + mamma

A San Valentino in sala Mamma + mamma

 
ROMA
'Fermo al piano', torna Michele Amadori

'Fermo al piano', torna Michele Amadori

 
BOLOGNA
Haendel aprirà il 38/mo Bologna Festival

Haendel aprirà il 38/mo Bologna Festival

 
ROMA
Arriva la serie Nightflyers

Arriva la serie Nightflyers

 
ROMA
La favorita, gelosie a corte

La favorita, gelosie a corte

 
ALESSANDRIA
Morto creatore Le ultime parole famose

Morto creatore Le ultime parole famose

 
MATERA
'Ars Excavandi' per scoprire Matera

'Ars Excavandi' per scoprire Matera

 
SENIGALLIA (ANCONA)
Discoteca,comitato tutela salute giovani

Discoteca,comitato tutela salute giovani

 

FAENZA (RAVENNA)

Alessandro Roma al Museo delle Ceramiche

Lavori realizzati nei laboratori didattici fondati da Munari

Alessandro Roma al Museo delle Ceramiche

FAENZA (RAVENNA), 10 SET - Otto nuovi lavori in ceramica realizzati nei laboratori didattici fondati da Bruno Munari, esposti insieme alle sue stoffe dipinte: è 'Vertigo. Walking on the edge of the tone', mostra di Alessandro Roma, a cura di Irene Biolchini, dal 13 settembre al Mic-Museo internazionale delle ceramiche a Faenza, nell'ambito della 14/a Giornata internazionale dell'arte contemporanea indetta da Amaci. L'esposizione sarà visitabile fino al 21 ottobre. Roma, classe '77, l'artista vive e lavora a Milano. La realizzazione delle opere a Faenza è stata una costruzione lenta e progressiva che ha permesso di affiancare il lavoro in laboratorio con un anno di ricerca e studio sulla ceramica, dando vita ad un 'gorgo' immaginativo in cui pittura e ceramica si confondono in un'installazione 'all over' pensata su misura per gli spazi del Museo. 'Vertigo', spiega la curatrice, "apre ad una nuova metodologia in cui il Museo non è solo ospite, ma parte integrante della costruzione progettuale dell'intervento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400