Lunedì 18 Marzo 2019 | 21:21

Il Biancorosso

LA PARTITA
Bari, l'attesa è finalmente finitaparte il rush finale del campionato

Bari, l'attesa è finalmente finita
parte il rush finale del campionato

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Ecco il piano dei rifiuti post commissariamento

Ecco il piano dei rifiuti post commissariamento
Il Piano regionale di gestione dei rifiuti solidi urbani è un traguardo cui la Regione Puglia ha dedicato grande attenzione negli ultimi anni lavorando, preventivamente all'adozione del Piano, a una serie di aspetti propedeutici a una efficace gestione del ciclo dei rifiuti. Il nuovo piano, il primo dopo decenni a gestione non commissariale, sposa la strategia che ha come obiettivo anbizioso il traguardo «rifiuti zero» e nasce da un processo partecipativo avviato con tutti i soggetti a vario titolo coinvolti nella gestione del ciclo: dalla produzione alla successiva raccolta, al trasporto, allo smaltimento, al riuso, al recupero e alla reimmissione eventuale nel ciclo produttivo.

Puntare a ridurre al massimo i rifiuti da conferire in discarica, puntare allo «zero rifiuti» vuol dire programmare, creare presupposti tecnici e logistici che permettano in un arco ragionevole di tempo di centrare obiettivi. Come si può pensare ai rifiuti zero quando fino ad oggi la raccolta differenziata è sempre al di sotto della soglia del 30% nella media regionale? A colmare questo gap puntavano gli interventi sulla governance e sulle modalità di gestione.

Nel frattempo si è aperto il confronto con il mondo delle associazioni, da quelle ambientaliste a quelle di categoria, gli enti locali, e, finanche i singoli cittadini, che hanno potuto esprimere le proprie osservazioni sul documento programmatico di gestione del ciclo completo dei rifiuti in più momenti: le tre conferenze programmatiche, le sedute di quinta commissione (competente per le questioni ambientali) precedenti all'approvazione in giunta, la fase di Valutazione ambientale strategica, e, prima della definitiva adozione, il passaggio consiliare con ulteriori confronti nella commissione consiliare competente. Questa scelta fa di uno strumento di programmazione politica quale il Piano uno strumento sociale, un impegno per tutti i pugliesi a mettere in campo, ciascuno per il proprio ruolo, tutte le azioni necessarie a centrare gli obiettivi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400