Giovedì 13 Dicembre 2018 | 15:01

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 
Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

 
Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

 
Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

 
Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

 

Gb: Corte Strasburgo, staccare spina anche a piccolo Alfie

Gb: Corte Strasburgo, staccare spina anche a piccolo Alfie

STRABURGO - I medici britannici possono staccare la spina anche al piccolo Alfie. La Corte europea dei diritti umani ha infatti dichiarato inammissibile il ricorso presentato lo scorso 23 marzo dai genitori di Alfie Evans contro la decisione delle autorità britanniche di interrompere le cure salva vita.

 

Il bambino, nato il 9 maggio del 2016, è stato collegato a un respiratore da quando ha sviluppato una malattia neurodegenerativa "catastrofica, incurabile e progressiva", scrive la Corte.

 

Questa è la terza volta che i togati di Strasburgo decidono che il Regno Unito non sta violando alcun diritto in merito alla pratica di mettere fine alle cure mediche necessarie per mantenere in vita bambini senza speranza di guarigione.

 

Il primo ricorso a essere rigettato l'anno scorso fu quello dei genitori di Charlie Gard. Poche settimane fa i giudici hanno invece rigettato quello del padre di Isaiah Haastrup, un bambino di 12 mesi che da quando era nato era collegato a un respiratore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400