Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 13:33

NEWS DALLA SEZIONE

Banche: Moscovici, in contatto con Italia su difficoltà

Banche: Moscovici, in contatto con Italia su difficoltà

 
Juncker, non siamo stati abbastanza solidali con greci

Juncker, non siamo stati abbastanza solidali con greci

 
Draghi, sfide globali vanno affrontate insieme

Draghi, sfide globali vanno affrontate insieme

 
Tajani, rinvio Brexit comporta problemi giuridici

Tajani, rinvio Brexit comporta problemi giuridici

 
Ue-28: bilancia pagamenti, avanzo 3/o trimestre cala a 38,7mld

Ue-28: bilancia pagamenti, avanzo 3/o trimestre cala a 38,7mld

 
Banche: Corte Conti Ue contro Bce, dia accesso a documenti

Banche: Corte Conti Ue contro Bce, dia accesso a documenti

 
Vaccini: Andriukaitis, pieno sostegno a iniziativa Burioni

Vaccini: Andriukaitis, pieno sostegno a iniziativa Burioni

 
Alitalia: Vestager, Italia ha risposto a richieste Ue

Alitalia: Vestager, Italia ha risposto a richieste Ue

 
Eurozona: salgono risparmi famiglie e investimenti imprese

Eurozona: salgono risparmi famiglie e investimenti imprese

 
Juncker, dopo Brexit summit Sibiu sia nuova partenza

Juncker, dopo Brexit summit Sibiu sia nuova partenza

 
Migranti, l'Ue pronta a incontrare l'Italia sui ricollocamenti

Migranti, l'Ue pronta a incontrare l'Italia sui ricollocamenti

 

Smog: Commissione Ue pronta a deferire Italia a Corte

Smog: Commissione Ue pronta a deferire Italia a Corte

BRUXELLES - La settimana prossima l'Italia e altri cinque Paesi, tra cui Germania, Francia e Gran Bretagna, potrebbero essere deferiti alla Corte di Giustizia Ue per aver violato le norme europee antismog. La decisione, che per quanto riguarda l'Italia dovrebbe riferirsi al superamento dei limiti di Pm10, attesa da molti mesi è stata rimandata più volte, ma secondo quanto apprende ANSA potrebbe essere adottata dal collegio dei commissari mercoledì prossimo per essere annunciata giovedì 17 maggio.

 

La Commissione sarebbe pronta a deferire in Corte sei dei nove paesi convocati d'urgenza a Bruxelles alla fine dello scorso gennaio a causa delle ripetute violazioni della normativa Ue sulla qualità dell'aria, in particolare dei limiti di biossido di azoto (NO2) e di particolato (Pm10). Con l'Italia dovrebbero esserci Francia, Gran Bretagna, Germania, Ungheria e Romania. Convocati il 30 gennaio dal commissario Ue all'ambiente Karmenu Vella, i Paesi (oltre a questi 6 anche Spagna, Slovacchia e Repubblica ceca) avevano illustrato le misure che intendevano prendere per ridurre i livelli di emissioni inquinanti nell'aria dei centri urbani. Per alcuni di questi, come la Spagna, sembra che la situazione sia migliorata negli ultimi mesi. Per gli altri la Commissione potrebbe procedere al primo deferimento in Corte.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400