Lunedì 10 Dicembre 2018 | 13:36

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 
Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

 
Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

 
Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

 
Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

 

Previsioni Ue, possibile limatura crescita Italia 2019

Previsioni Ue, possibile limatura crescita Italia 2019

BRUXELLES - Un lieve rallentamento della crescita dell'Italia nel 2019 rispetto a quanto stimato finora: potrebbe essere questa, a quanto si è appreso, una delle poche novità contenute nelle previsioni economiche di primavera che la Commissione europea diffonderà oggi. La limatura dei numeri è ancora in corso, ma per l'Italia la Commissione sta procedendo in base alle indicazioni contenute nel Documento di economia e finanza (Def), uno scenario delineato a politiche invariate.

 

Le previsioni europee dovrebbero quindi, più o meno, rispecchiare quelle formulate dall'attuale esecutivo nel Def: aumento del Pil dell'1,5% quest'anno e uno 0,1 in meno l'anno prossimo (per Bruxelles la flessione potrebbe essere un po' maggiore), rapporto debito/Pil che si attesterà nel 2018 al 130,8% e un rapporto deficit/Pil all'1,6%. 

 

Certo, si osserva a Bruxelles, le incognite non mancano. A cominciare dal futuro governo italiano e dalle sue politiche economiche. Ma anche dalla possibile evoluzione della guerra dei dazi tra Ue e Usa e dal suo impatto sull'economia.

 

SEGUI LA CONFERENZA STAMPA ALLE 11:00

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400