Giovedì 13 Dicembre 2018 | 15:18

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 
Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

 
Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

 
Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

 
Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

 

Deloitte, italiani chiedono a Ue cambio di passo

Deloitte, italiani chiedono a Ue cambio di passo

BRUXELLES - "La mancata percezione delle opportunità che vengono da Bruxelles, abbinata alla parziale incapacità dell'Italia di coglierle pienamente e alla disinformazione, ha fatto sì che dal 2002 al 2018 i cittadini italiani con una percezione negativa sull'Ue siano raddoppiati". Lo ha detto Andrea Poggi, di Deloitte, che in occasione di una conferenza sul futuro dell'Europa ha presentato i risultati di un sondaggio d'opinione condotto dopo le elezioni di marzo.

 

"Bisogna specificare però - ha proseguito Poggi - che l'Europa non è ritenuta un nemico o un ostacolo, anzi è considerata necessaria ed irrinunciabile per il 52% degli italiani e dal 54% degli europei. Nessuno vuole realmente porre fine all'Europa ma richiede un deciso 'cambio di passo', che elimini la percezione di inefficacia delle politiche europee e che avvicini le istituzioni alle problematiche quotidiane dei cittadini e delle famiglie. Lo pensano quasi all'unanimità sia i cittadini italiani (84%) che quelli europei (76%)".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400