Giovedì 23 Gennaio 2020 | 00:36

NEWS DALLA SEZIONE

Virus Cina: sale livello rischio in Ue, riunione Stati

Virus Cina: sale livello rischio in Ue, riunione Stati

 
Green Deal: Ue, non compenseremo i costi delle industrie inquinanti

Green Deal: Ue, non compenseremo i costi delle industrie inquinanti

 
Via libera a ultime nomine italiane per Comitato Regioni Ue

Via libera a ultime nomine italiane per Comitato Regioni Ue

 
Gualtieri, su fondo Ue transizione si può fare meglio

Gualtieri, su fondo Ue transizione si può fare meglio

 
Tregua Usa-Cina sui dazi: industria Usa, accordo frena invadenza Ue su Dop

Tregua Usa-Cina sui dazi: industria Usa, accordo frena invadenza Ue su Dop

 
Green deal: 364 milioni a Italia per mobilitare 4,8 miliardi

Green deal: 364 milioni a Italia per mobilitare 4,8 miliardi

 
Vino: produttori Ue e Usa chiedono a governi 'dazi zero'

Vino: produttori Ue e Usa chiedono a governi 'dazi zero'

 
Libia: Ue denuncia le ingerenze di Russia e Turchia

Libia: Ue denuncia le ingerenze di Russia e Turchia

 
Ferreira, servono nuove risorse per il Fondo di transizione verde

Ferreira, servono nuove risorse per il Fondo di transizione verde

 
Agroalimentare: con 14,7 miliardi a ottobre nuovo record export Ue

Agroalimentare: con 14,7 miliardi a ottobre nuovo record export Ue

 
Agea: Psr, 12 programmi su 13 superano obiettivo spesa

Agea: Psr, 12 programmi su 13 superano obiettivo spesa

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in nottuna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

Bari, gol di Simeri porta biancorossi a meno 6 dalla capolista
Bari-Sicula Leonzio 1-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'incidente nel 2008
Taranto, operaio morì dopo volo da ponteggio Altoforno 4 Ilva: una condanna

Taranto, operaio morì dopo volo da ponteggio Altoforno 4 Ilva: una condanna

 
BariDelitto Sciannimanico
Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

 
FoggiaIl Riesame
Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

 
BatBat
La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

 
LecceL'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
HomeIntimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

Commercio: Italia prima in Ue per difficoltà avvio negozio

Commercio: Italia prima in Ue per difficoltà avvio negozio

BRUXELLES - L'Italia è il Paese europeo in cui è più complicato aprire un negozio, e dove cominciano a pesare anche le restrizioni alle attività. E' quanto emerge in base a un indicatore ad hoc messo a punto dalla Commissione Ue, che ha contestualmente presentato ai 28 linee guida non vincolanti per rafforzare la competitività del settore del commercio al dettaglio in Europa.

 

Tra le misure consigliate, tagliare le restrizioni sugli orari dei negozi, sull'apertura e lo stabilimento di un'attività commerciale, e mantenere in vita i piccoli commerci in centro città nonostante il proliferare dei grandi shopping center in periferia. L'Italia, con un indice di quasi 4.5 su 5, è maglia nera dei 28 per restrizioni nello stabilimento di un negozio.

 

A pesare di più, la questione delle dimensioni dell'attività commerciale, i requisiti per i dati economici, poi le limitazioni dovuti alla localizzazione e il numero di diverse entità da contattare per poter avviare la pratica. A seguire, rallentano anche il numero di permessi necessari e delle valutazioni d'impatto.

 

Hanno invece l'impatto minore la lunghezza delle procedure e la pubblicazione delle decisioni. Altri paesi dove è complicato aprire un negozio sono, a seguire, Lussemburgo, Cipro, Gran Bretagna e Irlanda. Quelli invece in cui il processo è più semplice sono Estonia (indice con 1.0 punti), poi Lettonia, Slovacchia, Bulgaria, Repubblica ceca, Lituania e Polonia.

 

Sul fronte invece delle restrizioni alle attività di un negozio, l'Italia è subito dopo metà classifica, alla 17esima posizione con un indice leggermente superiore a 1. A impattare sono principalmente le limitazioni su saldi e vendite promozionali, e poi quelle relative ai canali di distribuzione.

 

Il Paese più restrittivo invece per la gestione di un negozio è la Francia, con oltre 3 punti, tra tasse, orari, distribuzione e saldi, seguita da Spagna, Romania, Austria, Portogallo e Belgio. I Paesi più liberali sono invece Irlanda, Estonia, Ungheria, Svezia, Croazia e Gran Bretagna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie