Lunedì 10 Dicembre 2018 | 07:38

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 
Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

 
Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

 
Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

 
Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

 

Germania e Belgio contro un'escalation militare in Siria

Germania e Belgio contro un'escalation militare in Siria

BRUXELLES - Belgio e Germania sono contro un'escalation militare in Siria. La posizione dei due Paesi è stata esplicitata dai rispettivi ministri degli Esteri, Didier Reynders e Heiko Maaso in occasione di un incontro svoltosi a Bruxelles. "Serve una soluzione politica", ha detto Reynders. "Dobbiamo fare pressione sul regime siriano" per riprendere a discutere nell'ottica di trovare una soluzione.

 

Al termine di un successivo incontro con il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker, Maas ha poi detto che "l'uso delle armi chimiche non deve restare impunito e senza conseguenze". Ma per risolvere la crisi siriana "bisogna puntare a una soluzione politica, altrimenti non ci sarà una pace duratura" e "non interrompere il dialogo con la Russia". Maas e Juncker hanno poi rilanciato la necessità di ampliare il ricorso alla maggioranza qualificata nelle decisioni del Consiglio Ue, specie in materie come la politica estera e l'Unione economica e monetaria. "Lo prevede già il Trattato di Lisbona, non c'è nulla da cambiare", ha sottolineato Maas secondo il quale è importante che "l'Ue arrivi a parlare con una voce sola sui temi di politica estera" e in particolare sulle sfide più importanti da affrontare.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400