Martedì 18 Dicembre 2018 | 19:07

NEWS DALLA SEZIONE

Crescono i 'mammoni', il 66,4% dei giovani a casa con i genitori

Crescono i 'mammoni', il 66,4% dei giovani a casa con i genitori

 
Manovra: Ue, dialogo continua con Italia

Manovra: Ue, dialogo continua con Italia

 
Megalizzi, minuto di silenzio in sala stampa Commissione Ue

Megalizzi, minuto di silenzio in sala stampa Commissione Ue

 
Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

 
Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

 
Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

 
Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

 
Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 

Fondi Ue: ministri 28, norme flessibili e semplici dopo 2020

Fondi Ue: ministri 28, norme flessibili e semplici dopo 2020

BRUXELLES - Semplificazione, flessibilità e riconoscimento del "ruolo importante" delle autorità nazionali e regionali nell'uso dei fondi strutturali europei, dalla loro programmazione al loro controllo. Sono i punti principali delle conclusioni sul futuro della politica di coesione dopo il 2020 adottate dai ministri europei responsabili del dossier, riuniti oggi in Lussemburgo.

 

Il Consiglio dei 28 ha messo l'accento anche sulla necessità di garantire una transizione "dolce" fra i periodi di programmazione ed ha invitato gli Stati membri "ad accelerare ulteriormente" nell'utilizzo dei fondi strutturali Ue, in modo da dimostrarne l'utilità nonchè la necessità nell'ottica della definizione delle priorità per il futuro dell'Unione europea. I ministri hanno anche chiesto alla Commissione Ue una maggiore semplificazione delle regole esistenti, che deve avvenire "sia a livello Ue che nazionale", ma anche più "flessibilità nella programmazione e riprogrammazione" che permetta "agli Stati membri e alle regioni di accontentare i loro bisogni specifici" e "reagire velocemente agli imprevisti".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400