Giovedì 13 Dicembre 2018 | 11:34

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 
Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

 
Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

 
Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

 
Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

 

Regling (ESM) avverte, riformare Eurozona ora o rischiamo

Regling (ESM) avverte, riformare Eurozona ora o rischiamo

BRUXELLES - Il direttore generale del fondo salva-Stati Esm, Klaus Regling, ha lanciato un appello agli Stati Ue affinché vadano avanti con le riforme dell'Eurozona, perché se si faranno con la prossima crisi il costo potrebbe essere molto più alto. "Sembra che stiamo perdendo lo slancio invece di sfruttarlo. Voglio avvertire esplicitamente sul rischio dell'inazione politica, i Paesi devono capire che l'agenda attuale di riforme è un pacchetto, non si deve guardare ai suoi elementi isolandoli.

 

 

Se non si metteranno d'accordo su questo pacchetto, rischiamo di dover aspettare la prossima crisi", quando le modifiche saranno inevitabili e arriveranno "ad un costo molto maggiore", ha detto Regling parlando ad un evento al Parlamento Ue. "A dicembre sembrava che l'Europa stesse sfruttando il momento, dopo quattro mesi non ne sono più sicuro", ha detto.

 

Regling pensa soprattutto alla riforma dell'organismo che dirige e spiega che attraverso di esso potrebbe passare la necessaria dose di condivisione del rischio, "la più grave lacuna della zona euro". Questa si otterrebbe dando all'Esm la funzione di paracadute per il fondo salva-Stati e di stabilizzatore macroeconomico. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400