Giovedì 17 Gennaio 2019 | 06:30

NEWS DALLA SEZIONE

Eurocamera, più risorse per giovani e bambini in Fse+

Eurocamera, più risorse per giovani e bambini in Fse+

 
InvestUE: ok Parlamento Ue, mobilitare risorse per 700 miliardi

InvestUE: ok Parlamento Ue, mobilitare risorse per 700 miliardi

 
Banche: Moscovici, in contatto con Italia su difficoltà

Banche: Moscovici, in contatto con Italia su difficoltà

 
Juncker, non siamo stati abbastanza solidali con greci

Juncker, non siamo stati abbastanza solidali con greci

 
Draghi, sfide globali vanno affrontate insieme

Draghi, sfide globali vanno affrontate insieme

 
Tajani, rinvio Brexit comporta problemi giuridici

Tajani, rinvio Brexit comporta problemi giuridici

 
Ue-28: bilancia pagamenti, avanzo 3/o trimestre cala a 38,7mld

Ue-28: bilancia pagamenti, avanzo 3/o trimestre cala a 38,7mld

 
Banche: Corte Conti Ue contro Bce, dia accesso a documenti

Banche: Corte Conti Ue contro Bce, dia accesso a documenti

 
Vaccini: Andriukaitis, pieno sostegno a iniziativa Burioni

Vaccini: Andriukaitis, pieno sostegno a iniziativa Burioni

 
Alitalia: Vestager, Italia ha risposto a richieste Ue

Alitalia: Vestager, Italia ha risposto a richieste Ue

 
Eurozona: salgono risparmi famiglie e investimenti imprese

Eurozona: salgono risparmi famiglie e investimenti imprese

 

Salvini saluta da vincente Strasburgo, il 3% si può sforare

Salvini saluta da vincente Strasburgo, il 3% si può sforare

STRASBURGO - Matteo Salvini torna da vincitore a Strasburgo. Nella sua ultima uscita in veste di eurodeputato, il leader del Carroccio striglia l'Europa, annuncia il suo programma, se sarà a Palazzo Chigi, e trova anche il tempo per litigare con la stampa. Una toccata e fuga all'Europarlamento e poi giù a Roma per il vertice con gli alleati. Una sosta di poche ore dove c'è spazio anche per un selfie con l'eurodeputato dell'Ukip Nigel Farage, suo ex collega di partito, e per postare un tweet con su scritto "Cambia l'Italia, cambia l'Europa! Vi saluta Nigel Farage". Nel suo saluto all'Europa non mancano i toni del trionfatore, quando avvisa e minaccia quell'Unione "costruita a tavolino, che non prevede uomini e donne, ma numeri e consumatori". Il leader del Carroccio è un fiume in piena, interrotto solo all'inizio da un acceso battibecco con i reporter in sala, che contestano gli applausi a lui riservati da diversi assistenti parlamentari, funzionari ed eurodeputati del gruppo Enf di cui fa parte la Lega.

 

Ma lui non si scompone e anzi controbatte: "Questo è il bello del risultato elettorale, c'è tanta gente a sinistra che è nervosa". Tre quarti d'ora scarsi di conferenza stampa, tra interventi, domande, repliche e ressa di fotografi e operatori tv, durante i quali Salvini annuncia la "revisione dei Trattati europei" e prevede la "fine dell'inciucio fra popolari e socialisti" alle prossime elezioni europee. Poi nel dettaglio annuncia il suo programma dalla flat-tax, avvisando che "se qualcuno a Bruxelles si attende una manovra con più tasse", lui farà "esattamente il contrario".

 

Quindi il tetto del 3% che si può sforare e l'euro, "moneta sbagliata" da cui però non è auspicabile uscire. E non mancano le politiche migratorie, suo cavallo di battaglia, quando promette che con la Lega al governo "ci saranno meno sbarchi e più espulsioni", perché "l'Europa non può essere ridotta ad un enorme campo profughi". Valutazioni ed analisi in salsa europea che restano confinate all'europarlamento. Ora è tempo di tornare in Italia e occuparsi degli italiani. Ma nel suo addio all'Europa trova anche il tempo di allertare i suoi futuri ex colleghi che "se i popoli europei voteranno come hanno votato gli italiani, finalmente ci sarà una bella iniezione di normalità, di identità e di sicurezza". Il messaggio è stato inviato, l'Unione è avvisata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400