Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 11:09

NEWS DALLA SEZIONE

Crescono i 'mammoni', il 66,4% dei giovani a casa con i genitori

Crescono i 'mammoni', il 66,4% dei giovani a casa con i genitori

 
Manovra: Ue, dialogo continua con Italia

Manovra: Ue, dialogo continua con Italia

 
Megalizzi, minuto di silenzio in sala stampa Commissione Ue

Megalizzi, minuto di silenzio in sala stampa Commissione Ue

 
Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

 
Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

 
Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

 
Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

 
Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 

Fondi Ue: Regioni, tagliare coesione compromette unità dei 27

Fondi Ue: Regioni, tagliare coesione compromette unità dei 27

BRUXELLES - E' un appello contro i tagli alla politica di coesione quello lanciato dal presidente del Comitato europeo delle Regioni (CdR), Karl-Heinz Lambertz, reagendo alla pubblicazione del documento della Commissione Ue sul bilancio Ue post 2020. Facendo riferimento anche al sostegno mostrato dal governo italiano, Lambertz ha ammonito che "indebolire tale politica significherebbe compromettere la futura unità dell'Ue a 27". "Appena un anno fa la Dichiarazione di Roma esprimeva sostegno a un'Europa che consenta agli enti locali e regionali di rafforzare il potenziale di innovazione e di crescita dell'Europa", ha ricordato il presidente del CdR, ecco perché "il prossimo bilancio Ue deve necessariamente continuare a investire ai livelli correnti: il 34,2%".

 

Lambertz ha quindi ribadito il recente appello del CdR agli stati membri ad aumentare il loro contributo al prossimo bilancio Ue, portandolo dall'1,1% all'1,3% del reddito nazionale lordo, perché l'Unione "dovrebbe fare di più con più risorse". Da mesi il CdR è capofila dell'Alleanza europea in difesa della coesione, che ha già raccolto migliaia di adesioni in tutta l'Ue.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400