Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 13:30

NEWS DALLA SEZIONE

Banche: Moscovici, in contatto con Italia su difficoltà

Banche: Moscovici, in contatto con Italia su difficoltà

 
Juncker, non siamo stati abbastanza solidali con greci

Juncker, non siamo stati abbastanza solidali con greci

 
Draghi, sfide globali vanno affrontate insieme

Draghi, sfide globali vanno affrontate insieme

 
Tajani, rinvio Brexit comporta problemi giuridici

Tajani, rinvio Brexit comporta problemi giuridici

 
Ue-28: bilancia pagamenti, avanzo 3/o trimestre cala a 38,7mld

Ue-28: bilancia pagamenti, avanzo 3/o trimestre cala a 38,7mld

 
Banche: Corte Conti Ue contro Bce, dia accesso a documenti

Banche: Corte Conti Ue contro Bce, dia accesso a documenti

 
Vaccini: Andriukaitis, pieno sostegno a iniziativa Burioni

Vaccini: Andriukaitis, pieno sostegno a iniziativa Burioni

 
Alitalia: Vestager, Italia ha risposto a richieste Ue

Alitalia: Vestager, Italia ha risposto a richieste Ue

 
Eurozona: salgono risparmi famiglie e investimenti imprese

Eurozona: salgono risparmi famiglie e investimenti imprese

 
Juncker, dopo Brexit summit Sibiu sia nuova partenza

Juncker, dopo Brexit summit Sibiu sia nuova partenza

 
Migranti, l'Ue pronta a incontrare l'Italia sui ricollocamenti

Migranti, l'Ue pronta a incontrare l'Italia sui ricollocamenti

 

Primo budget Ue post Brexit, tagli a agricoltura e coesione

Primo budget Ue post Brexit, tagli a agricoltura e coesione

BRUXELLES - Tagli alle 'vecchie' priorità come politica agricola e di coesione, e aumenti di poste per quelle nuove come immigrazione, difesa, innovazione, digitale ed Erasmus: sono queste, a quanto si apprende, le novità del primo bilancio pluriennale della Ue post Brexit, che partirà dal 2021 e che la Commissione europea presenterà domani. Bruxelles immaginerà diversi scenari, più conservativi e più innovativi, chiedendo agli Stati membri di aumentare il loro contributo che attualmente è l'1% del proprio bilancio.

 

Negli scenari - dove le cifre saranno in discussione sino all'ultimo al Collegio dei commissari - la politica agricola subirebbe un taglio del 10% oppure uno del 30%. Tagli anche al fondo di coesione (70 miliardi destinati ai 15 Paesi meno sviluppati), togliendo finanziamenti a regioni già sviluppate o quelle in transizione. Gli aumenti delle poste sono invece tutti sulle nuove priorità. A cominciare dalla sicurezza, che comprende anche l'immigrazione: Bruxelles descrive un'opzione 'status quo' che mantiene gli 8 miliardi su 7 anni, oppure un aumento a 20-25 miliardi, ampliando Frontex fino a 3000 dipendenti, oppure una versione 'plus' che porta il contributo a 150 miliardi, per dare vita a un sistema di controllo delle frontiere tipo Usa e Canada.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400