Lunedì 10 Dicembre 2018 | 14:33

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 
Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

 
Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

 
Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

 
Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

 

Uso fondi Ue per riforme Stati, Regioni pronte alla battaglia

Uso fondi Ue per riforme Stati, Regioni pronte alla battaglia

BRUXELLES - Il Comitato europeo delle Regioni (CdR) è pronto alla battaglia per impedire che parte dei fondi Ue della politica di coesione vengano usati per finanziare le riforme strutturali nazionali. Per la prima volta negli ultimi 5 anni, il CdR è deciso a sventolare il cosiddetto "cartellino rosso" verso la proposta avanzata nei mesi scorsi dalla Commissione Ue, portando la disputa - se necessario - davanti alla Corte di giustizia dell'Unione. Gli enti locali europei ritengono infatti che l'esecutivo comunitario abbia violato il principio di sussidiarietà con la sua proposta di cambiare i regolamenti dei fondi strutturali già per il periodo 2014-2020, prevedendo - attraverso una fase pilota - la possibilità di usare una parte degli stanziamenti per i costi delle riforme nazionali. Il testo è ora nelle mani di Consiglio Ue ed Europarlamento, che hanno il compito di valutarlo ed eventualmente approvarlo.

 

Alla proposta di Bruxelles si può aderire "su base volontaria", e questa comunque "non riduce o intacca le somme allocate agli Stati membri", sottolinea all'ANSA un portavoce dell'esecutivo comunitario. La Commissione "è dell'opinione che queste ulteriori possibilità rispettino il principio di sussidiarietà", aggiunge il portavoce, "la nostra proposta è per una fase pilota nell'attuale periodo finanziario, e non anticipa il nostro progetto sul prossimo" bilancio Ue pluriennale "che sarà presentato a maggio" per il post 2020.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400