Domenica 16 Dicembre 2018 | 06:49

NEWS DALLA SEZIONE

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

 
Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

 
Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

 
Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

 
Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 

Passi avanti Ue nella guerra all'incitamento all'odio on-line

Passi avanti Ue nella guerra all'incitamento all'odio on-line

BRUXELLES - Passi avanti nella guerra all'incitamento all'odio on-line nell'Unione europea. Nell'ultimo anno, in media, le aziende online hanno rimosso il 70% di tutti i messaggi illegali di incitamento all'odio loro notificati dalle Ong e dagli enti pubblici che hanno partecipato alla valutazione. La percentuale è aumentata costantemente dal 28% nel primo ciclo di controlli nel 2016,e dal 59% nel secondo ciclo del maggio 2017. Emerge dal terzo monitoraggio sull'incitamento all'odio on-line, illustrato dalla commissaria Ue alla Giustizia Vera Jurova.

 

Secondo quanto spiegato, tutte le imprese informatiche partecipanti (Facebook, Twitter e Youtube) hanno soddisfatto l'obiettivo di verificare la maggior parte delle notifiche entro 24 ore, con una media di oltre l'81%. Tuttavia, trasparenza e il feedback agli utenti sono ambiti in cui occorre prevedere ulteriori miglioramenti. In Italia sono il 66,9% le rimozioni effettuate, in calo rispetto all'81,7% del secondo monitoraggio (riduzione che può avere diverse ragioni).

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400