Lunedì 10 Dicembre 2018 | 05:29

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Fondi Ue: Cretu, incentivi a Paesi in cambio di riforme

Fondi Ue: Cretu, incentivi a Paesi in cambio di riforme

BRUXELLES  - "La politica di coesione non può essere isolata, la governance economica resta di grande importanza. Quindi deve essere rafforzato il legame fra la coesione e le riforme strutturali", basandolo "su incentivi positivi". Così la commissaria Ue alla Politica Regionale, Corina Cretu, parlando al Parlamento europeo del futuro della politica di coesione e del bilancio dell'Unione europea dopo il 2020. La commissaria si è detta "molto contenta" per la disponibilità ad aumentare il proprio contributo alle casse europee espressa da alcuni Stati membri.

 

Tuttavia, ha messo in guardia Cretu davanti alla commissione Sviluppo regionale, un approccio che distingue fra Paesi contributori netti e beneficiari netti "non rende giustizia ai vantaggi dell'integrazione europea". "Non mi piace questa separazione", ha detto, "perché non si tratta solamente di un esercizio matematico ma di valori" e benefici indiretti, "ad esempio nel campo del commercio".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400