Lunedì 10 Dicembre 2018 | 13:47

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Il Parlamento europeo mette paletti, coesione dopo 2020 resti per tutte regioni

Il Parlamento europeo mette paletti, coesione dopo 2020 resti per tutte regioni

BRUXELLES - Davanti a possibili tagli alla politica di coesione dopo il 2020, il Parlamento europeo traccia le sue prime linee rosse e definisce la copertura di tutte le regioni europee un elemento “non negoziabile” per dare il via libera al prossimo bilancio pluriennale dell'Ue. La forte presa di posizione arriva dalla commissione Sviluppo regionale, che ha approvato una risoluzione non legislativa sul rafforzamento della politica di coesione (35 ‘sì’, 4 ‘no’ e un’astensione), dando luce verde al passaggio in Plenaria ad aprile.

 

Il testo si basa sulla Settima Relazione triennale sulla coesione, pubblicata ad ottobre dalla Commissione Ue, a pochi mesi dalle proposte sul bilancio pluriennale dell’Ue per il post 2020 e per la riforma dei fondi strutturali, entrambe previste per maggio. Gli eurodeputati si dicono "preoccupati" per gli scenari illustrati qualche settimana fa dalla Commissione Ue, che prevedevano anche tagli del 25% o del 33% alla politica di coesione. Nel primo caso, solo il Mezzogiorno d'Italia beneficerebbe ancora dei fondi strutturali, mentre nella seconda ipotesi sarebbe esclusa l'intera Penisola insieme al blocco dell'Europa centro-occidentale.

 

Nella loro relazione, i parlamentari sottolineano anche che la politica di coesione resterà importante per affrontare le nuove sfide dell’Ue, come la sicurezza e l’integrazione dei migranti, ma "non ci si può aspettare che risolva tutte le crisi", coprendo anche "esigenze di finanziamento a breve termine".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400