Venerdì 14 Dicembre 2018 | 11:47

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Animalisti Ue, 'maltrattati i maiali del Prosciutto Parma'

Animalisti Ue, 'maltrattati i maiali del Prosciutto Parma'

BRUXELLES - "Taglio della coda come routine, sovraffollamento e condizioni igieniche e veterinarie al limite. Così vivono i maiali filmati in sei diversi allevamenti italiani in Lombardia, quattro dei quali forniscono le carni a prodotti Dop come il Prosciutto di Parma". E' la denuncia del gruppo animalista Eurogroup for Animals, e in Italia della Lega antivivisezione, sulla base di immagini girate in allevamenti intensivi in provincia di Brescia, Cremona e Mantova.

 

Si tratta di una "ben documentata mancanza di applicazione della direttiva Ue sui suini", attacca l'eurodeputato danese Jeppe Kofod (S&D), presidente del gruppo di lavoro sui maiali dell'Intergruppo benessere animale dell'Europarlamento. "E' un esempio lampante dell'inerzia nazionale e dei regolatori dell'Ue quando forti interessi economici si scontrano con il benessere degli animali - prosegue - non ci sono scuse per aspettare più a lungo, questo tipo di pratiche devono cessare al più presto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400