Venerdì 14 Dicembre 2018 | 09:15

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Gas: eurodeputati chiedono giro di vite su gasdotti extra-Ue

Gas: eurodeputati chiedono giro di vite su gasdotti extra-Ue

BRUXELLES - Applicare le norme europee del mercato del gas a tutti i gasdotti che entrano o escono dall'Ue, limitare rigorosamente le eccezioni, coinvolgendo anche gli Stati Ue nelle decisioni. Lo chiede la commissione industria del Parlamento europeo in un rapporto approvato con 41 voti a favore, 13 contrari e 9 astensioni.

 

Nello specifico, gli eurodeputati chiedono che i gasdotti da Russia (tra cui il Nord Stream 2), Norvegia, Algeria, Libia, Tunisia e Marocco si allineino alle disposizioni europeee per la creazione del mercato interno del gas, come la separazione dei gestori dei sistemi di trasmissione, la vigilanza delle autorità di regolamentazione indipendenti e l'accesso dei terzi ai gasdotti.

 

Anche le condizioni affinché gli oleodotti extra-Ue ottengano deroghe o esenzioni, secondo il testo votato dalla commissione, devono cambiare. Gli eurodeputati chiedono un limite di 5 anni per le esenzioni, nonché un maggiore coinvolgimento della Commissione europea e degli Stati Ue nella decisioni che riguardano le deroghe, tenendo in considerazione se il Paese terzo da cui parte il gasdotto sia colpito da sanzioni economiche.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400