Sabato 15 Dicembre 2018 | 18:56

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Corte Ue, il marchio spagnolo 'Mafia a tavola' è contro l'ordine pubblico

Corte Ue, il marchio spagnolo 'Mafia a tavola' è contro l'ordine pubblico

BRUXELLES - Il marchio spagnolo 'La Mafia se sienta a la mesa', (la Mafia si siede a tavola), usato per i servizi di ristorazione, è "contrario all'ordine pubblico": lo ha stabilito la Corte Ue in una sentenza che accoglie la richiesta dell'Italia di annullare tale marchio. La società spagnola La Honorable Hermandad (alla quale è succeduta La Mafia Franchises) ha chiesto nel 2006 all'EUIPO di registrare 'La Mafia se sienta a la mesa'. L'Italia nel 2015 aveva chiesto e ottenuto l'annullamento della registrazione, avendo l'EUIPO confermato che il logo "promuoveva palesemente l'organizzazione criminale". Non soddisfatta, la Mafia Franchises ha adito il Tribunale dell'Ue per chiedere l'annullamento della decisione.

 

Con la sentenza di oggi, il Tribunale respinge il suo ricorso e conferma la decisione dell'EUIPO. Il marchio "trasmette un'immagine complessivamente positiva" della mafia e "banalizza i gravi attacchi sferrati ai valori fondamentali dell'Unione", spiega il Tribunale.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400