Martedì 11 Dicembre 2018 | 12:00

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Accordo Ue-Partner orientali su rafforzamento cooperazione

Accordo Ue-Partner orientali su rafforzamento cooperazione

BRUXELLES - Risultati più concreti e un nuovo assetto organizzato in quattro settori - economia, governance, connettività e società -, per avvicinare l'Unione europea ai cittadini di Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Moldova e Ucraina. E' l'accordo raggiunto oggi a Bruxelles nell'incontro tecnico tra le delegazioni dei Ventotto dell'Ue e dei sei paesi del Partenariato orientale. Nel 2018 "la visibilità dell'Unione" nei sei partner si rafforzerà, assicura il commissario Ue all'Allargamento, Johannes Hahn, deciso a spingere sull'acceleratore per attuare i 20 obiettivi ('deliverables') da raggiungere entro il 2020 concordati durante il summit tra Ue e Partenariato orientale lo scorso 24 novembre a Bruxelles.

 

La nuova veste della cooperazione inquadra dunque i 20 obiettivi 2020 in quattro aree chiave: dallo sviluppo economico al rafforzamento delle istituzioni, dalla connettività all'energia, alla società. Il lavoro si svilupperà su due livelli: uno istituzionale, che vede impegnati negoziatori, esperti e ministeri degli Esteri, e l'altro alla base, con il coinvolgimento della società civile. L'obiettivo numero uno per Bruxelles - che nell'area deve fare i conti con l'influenza ancora pressante della Russia e la vicinanza ai conflitti del Medio-Oriente - resta il rafforzamento dell'economia dei sei paesi, con "un piano di investimenti" che "ridurrà il rischio per gli investitori privati", spiega il commissario Ue.

 

"Forniremo alle Pmi un migliore accesso al sostegno finanziario nella valuta locale", prosegue, sottolineando che gli investimenti riguardano anche "l'armonizzazione dei mercati digitali, il miglioramento del commercio interregionale, lo sviluppo delle reti di trasporto trans-europee (TEN-T) e l'aumento dell'efficienza energetica". Segue poi l'impegno civile. Bruxelles sta lavorando su borse di studio e un pacchetto per l'istruzione dedicate ai giovani. A settembre, ha annunciato Hahn, a Tbilisi, in Georgia, verrà inaugurata la prima scuola europea del partenariato orientale.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400