Domenica 16 Dicembre 2018 | 00:18

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

8 marzo: eurodeputati S&D contro pubblicità sessiste

8 marzo: eurodeputati S&D contro pubblicità sessiste

BRUXELLES - 'No alla pubblicità sessista' è il messaggio dei deputati Socialisti e Democratici del Parlamento europeo per celebrare la giornata internazionale della donna. Il gruppo progressista ha elaborato una carta che impegna le città europee a mettere al bando nei luoghi pubblici le pubblicità sessiste, che riducono la donna ad un oggetto sessuale e veicolano immagini di corpi perfetti e ruoli femminili tradizionali. All'iniziativa hanno aderito oggi Londra, Francoforte sul Meno (Germania), Charleroi (Belgio) e una circoscrizione di Bucarest (Romania), ma il network di città europee contro gli stereotipi nei media potrebbe allargarsi a macchia d'olio, anche Milano, Parigi e Berlino hanno mostrato interesse.

 

"A Bruxelles, c'è stata una campagna di poster 'Sugar Baby', affissi nei pressi delle Università, che di fatto incitava le studentesse a prostituirsi per pagarsi gli studi" ha raccontato all'ANSA la deputata belga Maria Arena "La città di Bruxelles è intervenuta per vietare questi manifesti, le mentalità si cambiano anche con la legge".

 

Donatella Martini, presidente dell'associazione 'Donne in Quota' ha ricordato che il Parlamento europeo ha già approvato nel 2008 una risoluzione sugli effetti del marketing pubblicitario sulla parità di genere, "ma gli stati europei sottovalutano il problema". "Ci siamo rivolti all'Istituto di autodisciplina pubblicitario in Italia" per sensibilizzare gli esperti sull'immagine della donna nella pubblicità.

 

Per i socialisti al Parlamento europeo, combattere la pubblicità sessista è un modo per combattere la violenza contro le donne. La carta è il punto di partenza per responsabilizzare le autorità regionali, ma "l'obiettivo" ha detto il promotore dell'iniziativa, il socialista francese Eduard Martin,"è di proporre una legge europea per vietare queste pubblicità che macchiano il genere umano e umiliano le donne".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400