Domenica 16 Dicembre 2018 | 12:31

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Gardini (Fi), 'Accelerare riforma protezione civile europea'

Gardini (Fi), 'Accelerare riforma protezione civile europea'

BRUXELLES - 'E' arrivato il momento di fare velocemente un ulteriore passo avanti' nella riforma della protezione civile europea, è l'appello che Elisabetta Gardini, capogruppo di FI al Parlamento europeo, ha lanciato intervenendo al Forum Europeo della Protezione civile, in corso a Bruxelles. "Dopo gli oltre 100 morti dello scorso anno, provocati da incendi boschivi che hanno messo in evidenza le lacune esistenti, abbiamo il dovere di rafforzare il meccanismo di protezione civile europea", ha detto all'Ansa Gardini, relatrice al Parlamento europeo sulla proposta della Commissione europea, presentata a novembre scorso, di istituire "rescEU". Si tratta di una cellula europea, attiva in permanenza, che gestirà mezzi di soccorso europei, canadairs, pompe idrauliche, ospedali da campo e personale specializzato nella ricerca e nel soccorso, una struttura europea che si affiancherà alla protezione civile degli stati membri, in caso di catastrofi naturali.

 

Il rapporto della Gardini sarà discusso in Commissione Ambiente a fine marzo. La presidenza bulgara intende agevolare l'iter legislativo per l'approvazione della riforma. "Il Parlamento anche questa volta, avrà un ruolo determinante" ha proseguito Gardini. "Dovremo semplificare le procedure, aumentare il co-finanziamento e lavorare sulla formazione e la diffusione di una cultura della consapevolezza del rischio, indispensabili per vivere in un territorio davvero resiliente". Creato nel 2001, il meccanismo di protezione civile europeo ha fino ad ora monitorato oltre 400 disastri e ricevuto 250 richieste di assistenza. Nel 2017, di fronte agli intensi incendi boschivi in contemporanea in diversi stati, la protezione civile europea è intervenuta diciassette volte, per assistere i paesi dell'Europa meridionale, in Portogallo, Francia, Italia, ma anche in Albania e Montenegro. Ora l'eurodeputata, d'accordo con la proposta della Commissione europea, vuole mettere l'accento sulla politica di prevenzione delle catastrofi naturali.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400