Venerdì 14 Dicembre 2018 | 05:53

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Brexit: Tusk, in Irlanda area comune in mancanza altre idee

Brexit: Tusk, in Irlanda area comune in mancanza altre idee

BRUXELLES - Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk insiste sulla proposta di creare 'un'area comune' in Irlanda, per evitare confini fisici, per effetto della Brexit, se non si trovano altre soluzioni. "Londra ha detto "no a unione doganale e mercato unico - spiega Tusk -. Ne prendiamo atto senza entusiasmo e soddisfazione", ma valutiamo in modo serio "le conseguenze". Tra queste, eventuali frontiere fisiche in Irlanda. "Uno scenario che l'Ue vuole evitare. Da qui, se non ci sono altre soluzioni", l'area comune.

 

"Fino ad oggi - afferma il leader europeo intervenendo alla cerimonia per il sessantesimo anniversario di BusinessEurope - non sono state presentate proposte più sagge di questa. Tra poche ore chiederò a Londra se il governo britannico ha un'idea migliore, che potrebbe essere altrettanto efficace nell'evitare barriere fisiche tra Irlanda e Irlanda del Nord". Ma Tusk avverte anche: "Non ci può essere commercio senza frizioni fuori dall'unione doganale e dal mercato unico. Le frizioni sono un effetto collaterale inevitabile della Brexit. Tutti devono essere coscienti che le linee rosse di Londra", col no all'unione doganale e dal mercato unico, "determineranno la forma della nostra relazione futura, su cui la prossima settimana presenterò la bozza di linee guida".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400