Domenica 09 Dicembre 2018 | 21:17

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Ue: Gozi, infrazioni ridotte a 58, nuovo record dell'Italia

Ue: Gozi, infrazioni ridotte a 58, nuovo record dell'Italia

ROMA  - "L'Italia segna un nuovo record storico in materia di riduzione del numero di infrazioni europee. A inizio 2014 il Paese aveva in carico ben 121 infrazioni. Oggi sono calate a quota 58. Un risultato che si traduce in risparmi finanziari e aumento della credibilità dell'Italia nell'Unione Europea". Lo sottolinea il sottosegretario alle Politiche europee Sandro Gozi commentando l'annuncio dei servizi della Commissione secondo il quale in occasione della prossima riunione del Collegio dei Commissari prevista per inizio marzo 2018 le procedure d'infrazione a carico dell'Italia scenderanno a quota 58.

 

Gozi rileva che "scendere sotto quota sessanta non era un obiettivo semplice quando si è insediato il governo Renzi, ma siamo riusciti a raggiungerlo. Così l'Italia ha dimostrato di poter diventare il Paese più virtuoso della Ue: infatti in quattro anni siamo passati da fanalino di coda a Paese con le migliori performance in materia di infrazioni".

 

Gozi sottolinea che "abbiamo fatto molto. Sicuramente meglio di tutti gli altri paesi, a partire dalla Germania. In una politica che urla e che bada solo alle apparenze, questo risultato - frutto del buon lavoro di squadra del Governo - rappresenta la nostra idea di politica: cioè quella di una disciplina al servizio delle persone, che crea nuove opportunità e nuovi diritti per cittadini, lavoratori, imprese e fa risparmiare ai contribuenti italiani oltre 2 miliardi di euro di multe. Soldi che abbiamo potuto impiegare per investimenti e politiche sociali".

 

"Abbiamo dimostrato con i fatti - conclude Gozi - che il cambiamento è possibile. Per modificare le politiche Ue in nostro favore e ottenere più risultati ai tavoli negoziali dobbiamo puntare su affidabilità e credibilità. Con la loro azione, i governi Renzi e Gentiloni hanno fatto guadagnare all'Italia una reputazione che vale molto in Europa. Un patrimonio da non dilapidare". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400