Giovedì 13 Dicembre 2018 | 14:40

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

A Bruxelles è polemica per promozione braccio destro Juncker

A Bruxelles è polemica per promozione braccio destro Juncker

BRUXELLES - E' polemica a Bruxelles per la promozione del capo di gabinetto del presidente della Commissione Jean Claude Juncker, il tedesco Martin Selmayr, alla carica di segretario generale dell'esecutivo europeo - dal primo marzo - in sostituzione del dimissionario Alexander Italianer, di nazionalità olandese. Tra le principali contestazioni, la mancata trasparenza dell'iter.

 

 

Il portavoce dell'Esecutivo comunitario Alexander Winterstein ha difeso per circa un'ora la nomina di Selmayr, in sala stampa, spiegando nel dettaglio, la procedura seguita, a partire dalla pubblicazione dell'incarico, il 31 gennaio. "Tutto è avvenuto nelle regole", ha più volte ripetuto Winterstein, sottolineando che si sarebbe potuto procedere anche con una nomina diretta, una strada che tuttavia la Commissione "ha scelto di non adottare", preferendo la più "severa e appropriata" procedura a tappe, conclusasi con la "decisione unanime del collegio dei commissari".  Il portavoce ha indicato che le candidature arrivate per il posto sono state due e per questo non è stato necessario fare una short-list.

Winterstein ha poi respinto le allusioni che legavano le dimissioni dell'olandese Italianer al caso scoppiato sulla secretazione dei documenti dell'offerta olandese per l'assegnazione dell'Agenzia europea del farmaco (Ema), spiegando che anche in questo caso tutto è avvenuto secondo le procedure stabilite dagli Stati membri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400