Giovedì 13 Dicembre 2018 | 16:03

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Dombrovskis,allerta su criptovalute siano chiare e frequenti

Dombrovskis,allerta su criptovalute siano chiare e frequenti

BRUXELLES- La tecnologia blockchain offre buone promesse per i mercati, "ma le valute virtuali possono essere oggetto di forti speculazioni, esponendo consumatori a grossi rischi, inclusa la perdita degli investimenti. Per questo le allerta ai consumatori devono essere chiare e frequenti".

 

Così il vicepresidente della Commissione Ue all'euro Valdis Dombrovskis, dopo una tavola rotonda su rischi e opportunità legati alle criptovalute, a cui hanno partecipato anche rappresentanti di banche centrali, regolatori e esperti di settore. Quanto emerso, ha spiegato Dombrovskis, confluirà nel piano d'azione sulla cosiddetta Fintech, la tecnologia applicata ai servizi finanziari, che sarà pubblicata entro metà marzo.

In particolare, sul tema è prevista una discussione al prossimo G20 a Buenos Aires. Francia e Germania hanno già chiesto di metterla in agenda. Dombrovskis non esclude che l'Ue possa andare avanti da sola se sul tema, "se vedremo l'emergere di rischi senza una risposta internazionale chiara. Molto dipenderà dal dibattito globale" e comunque non prima di fine anno o inizio 2019.

"Dobbiamo vedere come le criptovalute sono trattate dagli attuali regolamenti europei e valutare la situazione. La Commissione europea continuerà a monitorare questi mercati con altri stakeholders al livello Ue e internazionale. Siamo pronti ad intraprendere un'azione basata su una valutazione del rischio e opportunità, e seguendo le discussioni internazionali decideremo come procedere rispetto alla tavola rotonda di oggi", ha spiegato il vicepresidente della Commissione europea. Ma non ci sarà da attendersi qualcosa di mirato prima di fine anno o inizio del prossimo.

"Vediamo che ci sono movimenti dinamici attorno alle criptovalute. Vediamo speculazioni e preoccupazioni per gli investitori. Per questo abbiamo chiesto ai controllori europei di aggiornare i loro allerta sulle valute virtuali e lo hanno fatto due settimane fa. Vediamo anche molta attività sul mercato sull'offerta iniziale delle valute. Quindi, per reagire a tutti questi veloci sviluppi, abbiamo deciso di avere una discussione più approfondita dedicata a questioni specifiche delle valute virtuali", ha concluso Dombrovskis.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400