Domenica 20 Gennaio 2019 | 10:11

NEWS DALLA SEZIONE

Ue-Usa: Bruxelles propone avvio negoziati per stop dazi

Ue-Usa: Bruxelles propone avvio negoziati per stop dazi

 
Armi chimiche: verso sanzioni Ue, anche per caso Skripal

Armi chimiche: verso sanzioni Ue, anche per caso Skripal

 
Ue-19: Eurostat, l'inflazione annuale a dicembre cala a 1,6%

Ue-19: Eurostat, l'inflazione annuale a dicembre cala a 1,6%

 
Brexit: Barnier, se Regno Unito sposta paletti pronti a trattare

Brexit: Barnier, se Regno Unito sposta paletti pronti a trattare

 
Europee: sanzioni a partiti che violano dati personali in Ue

Europee: sanzioni a partiti che violano dati personali in Ue

 
Tajani, bene decisione Commissione Ue di imporre dazi su riso

Tajani, bene decisione Commissione Ue di imporre dazi su riso

 
Pe chiede più sostegno per imprese crisi da globalizzazione

Pe chiede più sostegno per imprese crisi da globalizzazione

 
Bruxelles propone di togliere unanimità per decisioni Ue su fisco

Bruxelles propone di togliere unanimità per decisioni Ue su fisco

 
Tajani, completare unione bancaria e mercato dei capitali

Tajani, completare unione bancaria e mercato dei capitali

 
Eurozona: surplus di 19 miliardi commercio internazionale a novembre

Eurozona: surplus di 19 miliardi commercio internazionale a novembre

 
Auto senza conducente, Eurocamera chiede norme su sicurezza

Auto senza conducente, Eurocamera chiede norme su sicurezza

 

Fondi Ue: Cretu, sì a coesione per tutte regioni dopo Brexit

Fondi Ue: Cretu, sì a coesione per tutte regioni dopo Brexit

BRUXELLES - "Non so quale sarà il risultato finale" dei negoziati "ma io sono a favore di una politica di coesione che continui a coprire tutte le regioni". Così la commissaria Ue per la Politica Regionale, Corina Cretu, commentando il documento presentato ieri dall'esecutivo comunitario sul bilancio dell'Unione post-Brexit.

Il testo, che la settimana prossima sarà sul tavolo dei capi di Stato e di governo Ue, considera tre scenari possibili per la politica di coesione dopo il 2020: mantenimento dello status quo che copre tutte le regioni europee; taglio del 25% aiutando solo le meno sviluppate (in Italia solo il Mezzogiorno); o taglio del 33% e di fatto sostenere solo i Paesi dell'Est.

"I tre scenari non sono la posizione della Commissione, ma l'illustrazione di alcune idee che sono al centro del dibattito pubblico da molto tempo", ha precisato Cretu, aggiungendo però che è necessario "rendere la politica di coesione più semplice, efficace e focalizzata sulle aree con un chiaro valore aggiunto europeo".

Il 23 febbraio i governi dell'Ue "dovranno decidere che Europa vogliono per il futuro", ha insistito Cretu, che ha evidenziato anche necessità di avanzare rapidamente con i negoziati per "evitare gli errori del passato" provocando ritardi che metterebbero a rischio "100mila progetti finanziati dall'Ue".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400