Lunedì 10 Dicembre 2018 | 16:23

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Migranti: Consiglio d'Europa, da Italia modello accoglienza

Migranti: Consiglio d'Europa, da Italia modello accoglienza

STRASBURGO - "L'esperienza vissuta dalla famiglia Calò, che nel giugno del 2015 ha accolto sei africani, è uno dei migliori esempi d'integrazione di chi è arrivato in Europa, e credo che il modello che Silvio Calò, il capo famiglia, mi ha presentato sia la prova che l'accoglienza fatta in un determinato modo funziona". A dichiararlo all'ANSA è Thomas Bocek, rappresentante speciale del segretario generale del Consiglio d'Europa per le migrazioni, alla fine dell'incontro con lo stesso Silvio Calò e con Massimo Ferrari, il regista del documentario sulla sua storia, "Dove vanno le nuvole".

 

I due uomini sono a Strasburgo su invito dell'Istituto culturale italiano, dove stasera proietteranno il film, e hanno chiesto d'incontrare Bocek per presentargli quello che Calò definisce il 'modello 6 più 6 per 6'. Un modello che Bocek ritiene utile inserire nelle riflessioni che l'organizzazione paneuropea sta portando avanti sulle modalità d'accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati. Il modello, spiega Calò, prevede la creazione di nuclei di sei profughi, sostenuti e accompagnati da sei persone, coaudiuvate da un'equipe di professionisti, è ispirato direttamente dall'esperienza che la sua famiglia ha fatto negli ultimi 2 anni e mezzo, e che secondo lui "può essere adottato in Italia e in tutta Europa".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400