Venerdì 14 Dicembre 2018 | 19:51

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Avanti Alleanza Ue batterie elettriche, finanziamenti da Bei

Avanti Alleanza Ue batterie elettriche, finanziamenti da Bei

BRUXELLES - L'Ue prosegue decisa sull'Alleanza per le batterie elettriche, un mercato che nel 2025 potrebbe raggiungere i 250 miliardi di euro e per cui ha deciso di impegnarsi anche la Bei. E' il messaggio lanciato dal vicepresidente della Commissione Ue per l'Unione dell'energia Maros Sefcovic, al termine del secondo incontro del gruppo dove sono leader la Germania, la Polonia e la Svezia. L'obiettivo è sviluppare l'intera catena del valore delle batterie elettriche in Europa, perché questa non solo non dipenda da importazioni ma diventi anche leader mondiale nel settore.

 

"Il potenziale stimato di questo settore in Europa è enorme", ha sottolineato Sefcovic, dato che "ci si aspetta che la nostra domanda salirà a 200 gigawattora e a 600 a livello globale". Per questo, hanno ribadito sia il vicepresidente della Commissione che i ministri di Germania, Polonia e Svezia, "nessun singolo attore può agire da solo". Il vicepresidente della Bei Andrew Mc Dowell ha quindi assicurato che, oltre ai finanziamenti già assegnati per un progetto in Svezia, "ci saranno ulteriori annunci nei prossimi mesi". "Abbiamo bisogno di una spinta da parte degli investimenti pubblici", ha sottolineato il ministro tedesco Matthias Machnig, e questo deve avvenire ora perché altrimenti, ha avvertito, "saremo fuori dai giochi per molti anni e questo colpirà a lungo la capacità industriale". Il prossimo appuntamento chiave sarà il 23 febbraio agli 'Industry Days', in cui verrà presentata una roadmap concreta di impegni, mentre si terrà un nuovo incontro della 'coalizione dei volenterosi' prima dell'estate.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400