Lunedì 10 Dicembre 2018 | 20:12

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Salute: Ue lancia cooperazione su valutazione tecnologie

Salute: Ue lancia cooperazione su valutazione tecnologie

BRUXELLES - Una cooperazione europea nella valutazione delle tecnologie sanitarie, dai medicinali ai dispositivi medici, per tagliare i costi di valutazioni che si sovrappongono e aumentare la scelta e la disponibilità delle novità per i pazienti. E' il senso della proposta odierna presentata dalla Commissione Ue, in base a cui gli stati membri potranno utilizzare strumenti, metodologie e procedure comuni in materia di valutazione delle tecnologie sanitarie in tutta l'Ue, collaborando in quattro settori principali. Primo, le valutazioni cliniche congiunte incentrate sulle tecnologie sanitarie più innovative, dall'impatto potenzialmente più significativo sui pazienti. Secondo, consultazioni scientifiche congiunte grazie alle quali gli sviluppatori possono chiedere la consulenza delle autorità di valutazione delle tecnologie sanitarie. Terzo, individuazione delle tecnologie sanitarie emergenti per riconoscere precocemente le tecnologie promettenti. Infine, proseguimento della cooperazione volontaria in altri settori.

 

La responsabilità della valutazione degli aspetti non clinici (economici, sociali, etici) e delle decisioni in materia di prezzi e rimborso continuerà a restare prerogativa di ogni singolo Paese, così come l'autorizzazione a immettere le nuove tecnologie sul mercato resterà delle attuali autorità competenti. "Oggi la Commissione ha dato il via a una assistenza sanitaria innovativa e di migliore qualità a beneficio dei pazienti, in particolare di quelli i cui bisogni medici sono insoddisfatti", ha dichiarato il commissario Ue alla salute Vytenis Andriukaitis, spiegando che "questa iniziativa determinerà anche un uso più efficiente delle risorse da parte degli stati membri attraverso la loro messa in comune e lo scambio di competenze, evitando così duplicazioni nella valutazione degli stessi prodotti".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400