Lunedì 17 Dicembre 2018 | 17:28

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

 
Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

 
May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 

Giustizia: Strasburgo, Italia 'miglioramento notevole'

Giustizia: Strasburgo, Italia 'miglioramento notevole'

STRASBURGO - La situazione dell'Italia alla Corte europea dei diritti umani ha registrato un "miglioramento notevole". Lo ha affermato il presidente Guido Raimondi, presentando le statistiche per l'anno 2017. L'Italia ha visto diminuire ancora una volta il numero di casi pendenti, scesi da 6.180 a 4.665 nel corso del 2017. Come un anno fa, Raimondi ha citato come principale ragione del calo la collaborazione tra il governo italiano e la Corte per i ricorsi sulla durata eccessiva dei processi e i risarcimenti dati in base alla legge Pinto.

 

Dalle statistiche per il 2017 della Corte europea dei diritti umani si conferma però che l'Italia, nonostante la significativa diminuzione dei ricorsi pendenti, resta tra gli Stati membri del Consiglio d'Europa che hanno il più alto numero di casi di cui Strasburgo deve occuparsi. E risulta anche che, sebbene il numero assoluto di questi ricorsi sia diminuito, l'Italia sia passata dal sesto posto del 2016 al quinto nel 2017 dei Paesi con più casi pendenti dopo Romania, Russia, Turchia e Ucraina. Dei 4.665 ricorsi italiani, 2.290 sono stati comunicati al governo, mentre altri 2.203 pendono in attesa di un primo esame.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400