Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 11:10

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

 
Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

 
May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 

Italia virtuosa, quinta in Ue per rifiuti urbani riciclati

Italia virtuosa, quinta in Ue per rifiuti urbani riciclati

BRUXELLES - Nel 2016 in Italia oltre la metà (51%) dei rifiuti urbani è stata riciclata o compostata, una quota che pone il nostro Paese tra i più virtuosi dopo Germania (66%), Austria (59), Belgio (54) e Olanda (53). Lo si rileva dai dati Eurostat pubblicati oggi. Mediamente nell'Ue i rifiuti urbani riciclati o compostati sono stati il 47%.

 

A fronte di un incremento dei rifiuti prodotti, da 486 a 495 chili procapite, rispetto al 2015 in Italia è aumentata la quota destinata a riciclo e compostaggio (+2%) e sono diminuite sia la quota di rifiuti trattati conferiti in discarica (28%, -2 punti) sia la percentuale di quelli destinati agli inceneritori (20, -1 punto). Secondo l'ufficio europeo di statistica, a produrre più rifiuti urbani pro-capite sono i danesi con 777 chili, mentre la media Ue si attesta a 480 chili.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400