Sabato 15 Dicembre 2018 | 21:19

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Fondi Ue: Bruxelles li vuole più 'statali' e legati a riforme

Fondi Ue: Bruxelles li vuole più 'statali' e legati a riforme

BRUXELLES - Fissare dei paletti non più regionali ma nazionali per l'utilizzo dei fondi strutturali europei, così da rendere le norme comunitarie più "flessibili" ma anche sempre più legate alle riforme indicate nelle raccomandazioni ai Paesi membri. Col rischio, temono i ben informati, che ciò porti ad un uso politico della coesione da parte dei governi nazionali. É questo, secondo quanto emerge dai documenti consultati dall'ANSA, lo scenario a cui lavora la Commissione Ue in vista della presentazione delle proposte di regolamento dei fondi strutturali per il 2021-2027, il 29 maggio.

 

L'esecutivo svelerà una bozza di regolamento, di cui l'ANSA ha preso visione, uguale per gli 8 fondi europei a gestione condivisa Ue-Stati nazionali: Coesione, Sviluppo rurale (Fesr), Pesca, Sviluppo regionale, Sociale (Fse), Asilo e migrazione, Gestione delle frontiere, Sicurezza. A questo si aggiungeranno una serie di norme complementari per ogni fondo.

 

L'ANSA ha visto la bozza più recente del regolamento specifico per il Fesr. Il testo non contiene ancora i controversi parametri di assegnazione delle risorse, ma indica che i "criteri di concentrazione tematica" (che in base al Reddito nazionale lordo obbligano i beneficiari a impegnare i soldi per determinate politiche) "non saranno più applicati a livello regionale ma nazionale".

 

 

Gli Stati, e non più le regioni, saranno divisi in tre categorie (Rnl sotto il 75% della media Ue, Rnl fra il 75% e il 100%, Rnl oltre il 100%), e in base a queste dovranno assegnare a livello nazionale un minimo delle risorse Fesr che varia fra il 60% e l'80% all'innovazione e alla transizione energetica, con la possibilità quindi di variare il tasso d'investimento fra i territori.

 

Come si legge nella normativa, la divisione delle regioni in fasce in base al Pil (scese da tre a due), sarà mantenuta solo per determinare l'ammontare delle risorse Ue da destinarvi, senza legarle quindi al loro uso.

 

Il testo indica che gli enti regionali e locali, al pari dei partner economici e della società civile, saranno coinvolti nella creazione di partenariati sulla preparazione e la messa in pratica dei programmi, che toccherà poi agli Stati sottomettere a Bruxelles. L'esecutivo, inoltre, vuole "tenere conto" delle raccomandazioni specifiche per Paese sia per l'approvazione dei programmi, sia nel 2025, per la loro revisione di medio termine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400