Sabato 15 Dicembre 2018 | 04:08

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Iran: Ue avvia attivazione 'statuto blocco'

Iran: Ue avvia attivazione 'statuto blocco'

BRUXELLES - Dopo il via libera dei leader europei la Commissione Ue "ha avviato oggi il processo formale per attivare lo 'statuto di blocco', aggiornando la lista delle sanzioni Usa contro l'Iran che rientrano nel suo campo di applicazione". Lo statuto di blocco consente alle aziende Ue di neutralizzare gli effetti extra-territoriali delle sanzioni Usa, e invalida l'effetto nella Ue di ogni sentenza di Corti straniere basate su di esse. E' quanto si legge in un comunicato della Commissione Ue. La Commissione europea precisa inoltre che l'obiettivo è avere le misure in vigore prima del 6 agosto 2018, quando entrerà in vigore la prima serie di sanzioni statunitensi. Inoltre è stato lanciato il processo formale per consentire alla Banca europea per gli investimenti (Bei) di sostenere gli investimenti dell'Ue in Iran in particolare per le piccole e medie imprese.

 

Nel comunicato si legge che il Parlamento europeo e il Consiglio avranno un periodo di due mesi di tempo per contestare tali misure, una volta proposte, prima che entrino in vigore. Questo periodo può essere più breve se entrambe le istituzioni segnalano la loro non obiezione prima della fine del periodo. I processi possono essere chiusi se le circostanze politiche non giustificano più l'adozione delle misure. La Commissione continuerà e rafforzerà la cooperazione settoriale e l'assistenza a favore dell'Iran, anche nel settore dell'energia e per quanto riguarda le piccole e medie imprese.

 

Come primo passo, il commissario per l'energia, Miguel Arias Canete, si recherà a Teheran già questo fine settimana. Sarà inoltre mobilitata l'assistenza finanziaria attraverso la cooperazione allo sviluppo o gli strumenti di partenariato. Infine la Commissione incoraggia gli Stati membri a esplorare la possibilità di trasferimenti bancari una tantum alla Banca centrale dell'Iran. Questo approccio potrebbe aiutare le autorità iraniane a ricevere le loro entrate legate al petrolio, in particolare in caso di sanzioni statunitensi che potrebbero colpire entità dell'Ue attive nelle transazioni petrolifere con l'Iran.

 

"L'Unione europea sta agendo unita e rapida per preservare l'accordo nucleare iraniano e le misure adottate oggi dalla Commissione europea sono una forte conferma di questo impegno", ha commentato in una nota l'Alto rappresentante Ue per la Politica Estera Federica Mogherini, ricordando che tali misure "seguono l'azione rapida intrapresa nei giorni scorsi, dopo l'annuncio del ritiro degli Usa dall'accordo e della re-imposizione delle sanzioni statunitensi". L'Alto rappresentante ha poi ribadito "l'impegno a nome dell'Ue alla completa attuazione dell'accordo e la determinazione a lavorare con la comunità internazionale per preservarlo finché l'Iran continuerà a rispettare i suoi impegni". Mogherini ha infine annunciato che le prossime tappe prevedono una "riunione della Commissione mista a Vienna il 25 maggio nel formato Ue/E3 + 2 e l'Iran a livello di vice ministri degli esteri/direttori politici. I 28 ministri degli Esteri dell'Ue torneranno sulla questione al prossimo Consiglio Affari esteri a Bruxelles il 28 maggio", conclude la nota.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400