Domenica 16 Dicembre 2018 | 07:22

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Letta, Ue ha davanti 18 mesi di terremoto politico

Letta, Ue ha davanti 18 mesi di terremoto politico

ROMA L'Ue ha davanti a sé 18 mesi di terremoto politico, con nuove sfide che "ne cambieranno la fisionomia": dalla Brexit ("portata avanti a fari spenti nella nebbia in modo irresponsabile dalle autorità inglesi") alle elezioni del Parlamento europeo, dalla discussione sul bilancio Ue al cambio ai vertici di Commissione, Consiglio e Bce. Ne è convinto l'ex premier Enrico Letta intervenuto in collegamento da Parigi al Ventotene Europa Festival, organizzato dalla Nuova Europa.

 

"Penso che i prossimi 18 mesi, da qui all'autunno del 2019, cambieranno la fisionomia dell'Ue e ci diranno in quale direzione andremo", ha detto Letta, collegato da Parigi, parlando ai 140 studenti europei riuniti a Ventotene per scrivere il Trattato dei giovani europei. "Succederà di tutto, si avranno decisioni sia di linea politica che di scelta di persone".

 

 

"Per la prima volta - ha aggiunto - cambierà l'assetto del Parlamento Europeo che non sarà più diviso tra le due grandi famiglie storiche, conservatori e riformisti. Cambierà tutto, perché i socialdemocratici europei sono in grande crisi, al centro sta succedendo qualcosa e si dovrà capire dove si collocheranno il partito di Macron e il Movimento Cinque Stelle.

 

 

L'equilibrio politico europeo risulterà terremotato ed entreremo in una nuova fase, più frammentata". Nello stesso tempo cambieranno tutti i vertici delle istituzioni europee: "Sarà tutto da discutere e molto complesso, anche per il nostro paese, visto che ora possiamo contare su un'importante presenza di italiani ai vertici comunitari, basti pensare a Mario Draghi, a Antonio Tajani e Federica Mogherini".

 

L'Europa dei prossimi mesi non sarà quindi più quella di oggi, stretta in un mondo in cui "le democrazie sono in difficoltà e le autocrazie molto forti". Per questo, ha concluso Letta, la difesa dei valori europei sarà "fondamentale" e ci sarà bisogno "di nuove idee, di una nuova Europa, di passione, di entusiasmo, di nuove idee e del lavoro che uscirà in questi giorni dal meeting dei giovani europei a Ventotene". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400